The Duckworth Lewis Method

The Duckworth Lewis Method

2009 (Divine Comedy) | pop

Un album di rock'n'roll dedicato al cricket è quantomeno sospetto: conciliare l'irriverenza e il caos con regole e protocolli non è né facile né divertente, ma con brillante ironia alcuni protagonisti della musica inglese, come i Kinks, gli Xtc e i Pulp, hanno già dimostrato di poter flirtare con le tradizioni.

Il progetto Duckworth Lewis Method nasce dalla collaborazione del leader dei Divine Comedy, Neil Hannon, con Thomas Walsh - leader dei bravi ma sconosciuti Pugwash (autori dell'ottimo "Jollity" e scritturati di recente da Andy Partridge per la sua etichetta Ape). Il nome dell'album è ricavato dal metodo di calcolo del punteggio finale di una gara di cricket in casi di sospensione per pioggia o mancanza di luce; la passione per questo aristocratico sport deve aver stimolato l'immaginazione dei due musicisti, che con una varietà stilistica notevole sono riusciti a creare dei perfetti e solari brani pop dai contorni netti.
I due rinunciano alla rilettura odierna del pop - niente tentazioni indie e low-fi - e compongono canzoni dai tratti raffinati, melodie che non hanno paura di piacere: dagli Zombies ai 10cc, dai Kinks ai T-Rex, il campionario del miglior pop inglese viene citato a piene mani. Le canzoni non mostrano incertezze né cedimenti d'ispirazione.

La contagiosa ironia british della teatrale "Jiggery Pokery" è una di quelle delizie sonore che nessuna band brit-pop avrebbe coraggio di incidere - un delizioso brano da music hall con vivaci trame di piano e filastrocche verbali dalla feroce ironia - e tutto l'album è un gustoso susseguirsi di ritmi e armonie dal fascino immediato, canzoni costruite su strutture familiari ma non prevedibili, estive ma anche autunnali.
Il pop dei Duckworth Lewis Method è pre-wave: si incrociano più i ritmi e le soluzioni orchestrali degli Elo in "The Coin Toss" e l'ironia allegorica dei Kinks in "Gentlemen And Players" che il brit-pop inglese degli ultimi vent'anni. Le pulsioni più moderne sono riscontrabili nelle sonorità glam rock di "Sweet Spot", che si evidenzia come uno dei brani più sconvenienti e giocosi dell'album per il suo ambiguo e grottesco mix di sesso e sport.

Nell'infinito e gradevole gioco di citazioni in "Test Match Special" i due celebrano con ironia i fasti del beat-rock anni 70 con soluzioni d'arrangiamento gradevolmente vintage ed elettronica di primo pelo: è l'ennesimo brano dalla forza sonora limpida e accattivante che dimostra il genio dei musicisti coinvolti. Gradevolmente spensierato, l'album raggiunge vertici lirici e melodici nella bella "The Nightwatchman", un brano di solido pop orchestrale che si aggiunge al miglior repertorio dei Divine Comedy. L'altro brano più delicato dell'album, "Mason On The Boundary", è frutto del patrimonio melodico di Thomas Walsh: impossibile non fischiettare il refrain, Neil e Thomas dimostrano di sapersi divertire ancora.
Altro pregio dell'album è il non prendersi troppo sul serio. Hannon e Walsh, invece di rendere aulica la celebrazione della loro passione per il cricket, ne celebrano il senso di svago. Ed ecco una silly-song perfetta: "Meeting Mr Miandad", dall'atmosfera scanzonata e corale, quasi un festoso inno da stadio.
Rispettando la tradizione pop, la musica assorbe vari generi senza snaturare lo spirito del disco e tra beat, funky, easy-slinkin' ecco profumi di swing e jazz di New Orleans che si agitano tra i riff contagiosi di "The Age Of Revolution". I toni effervescenti e leggiadri non si smorzano neppure nell'unico brano strumentale, "Rain Stops Play". Restano solo da citare echi dei Beatles in "Flatten The Hay" prima che il sipario cali con toni da rappresentazione allegorica e teatrale in "The End Of The Over".

Progetto privo di sbavature, ricco di graziose e rimarchevoli canzoni pop, "Duckworth Lewis Method" è uno dei piccoli tesori dell'anno, una celebrazione inaspettata del genio di Neil Hannon e la consacrazione del misconosciuto Thomas Walsh, che presto tornerà con i suoi Pugwash a deliziarci con caramellose ma gustose pop songs.

(01/09/2009)



  • Tracklist
  1. The Coin Toss
  2. The Age Of Revolution
  3. Gentlemen And Players
  4. The Sweet Spot
  5. Jiggery Pokery
  6. Mason On The Boundary
  7. Rain Stops Play
  8. Meeting Mr Miandad
  9. The Nightwatchman
  10. Flatten The Hay
  11. Test Match Special
  12. The End Of The Over
The Duckworth Lewis Method su OndaRock
Recensioni

THE DUCKWORTH LEWIS METHOD

Sticky Wickets

(2013 - Divine Comedy Records)
Neil Hannon e Thomas Walsh confermano il loro amore per gli Elo nel loro secondo capitolo di cricket-pop ..

The Duckworth Lewis Method on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.