Isengrind

Modlitewnik

2010 (Blackest Rainbow) | free-folk, ethereal

Metà dei magnifici Natural Snow Buildings, Solange Gularte gioca in solitaria col progetto Isengrind.

“Modlitewnik” (“libro della preghiera” in polacco) è, in ogni caso, perfettamente in sintonia con le esperienze della band madre, muovendosi con discreta maestria tra momenti più rustici e altri più marcatamente sovrannaturali. La perlustrazione del mistero parte da lontano, dai richiami ancestrali di “Night Dew Call” per giungere tra le selve paradisiache di “The Wild Host”. Le evocazioni musicali di Solange sono intrise di fascino, pregne di mitologia pagana e di umori terreni, anche se tutto è proiettato in una dimensione spirituale.

Un disco da vivere come un’esperienza, seguendo l’artista francese su coordinare Fursaxa/Grouper (“Und Immer Noch Gibt Es Freude”, la title track), tra raga e folk in girotondi vaporosi, trasognati (“Ver Sacrum”), estasi cosmiche (“The Stellar Tree”), chitarre acustiche perse in sogni a occhi aperti (“Fire Flies”), mentre carovane inscenano danze rituali per ingraziarsi gli Dei (“Strigele Tanz”) e l’alba svela il suo arcano tra le praterie di una terra sconosciuta.

Il solito artwork curatissimo (ad opera della stessa Solange) rende il vinile (rilasciato dalla Blackest Rainbow) un must per tutti gli appassionati del duo transalpino. Per tutti gli altri, un ascolto soddisfacente ma non essenziale.

(21/06/2010)

  • Tracklist
1. Night Dew Call         
2. Ver Sacrum         
3. Fire Flies         
4. Und Immer Noch Gibt Es Freude
5. I Know Where I'm Going         
6. Strigele Tanz         
7. The Stellar Tree         
8. Modlitewnik         
9. Skadi         
10. Where The Morning Dawns         
11. Ishtar Way         
12. The Wild Host
Isengrind on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.