Braids

Native Speaker

2011 (Kanine Records) | art dream-pop

Esordivano nel 2008, con l’Ep “Set Pieces”, i Braids, quartetto di Montreal, ovvero il solito Canada ricco di belle sorprese. Raphaelle Standell-Preston (voce, chitarra), Taylor Smith (chitarra, basso, voce), Katie Lee (tastiere, voce) e Austin Tufts (batteria, voce) sono artefici di una musica sempre in bilico tra incanto onirico, respiro cinematico e tensione sovrannaturale.

Cullato dalla voce angelica della Standell-Preston, “Native Speaker” (autoprodotto nel maggio dello scorso anno, ma in uscita solo in questi giorni in versione ufficiale) assomiglia a una farfalla che, di fiore in fiore, lascia che i suoi colori si disperdano, inseguendo briciole su briciole di meraviglia tra le pieghe dell’infinitamente piccolo. Vertigine e deliquio, insomma, con le mille ramificazioni della voce che s’incrociano, copulano estasiate, abbandonandosi in un tripudio dimesso di note di pianoforte che scivolano sul cuore, come gocce di pioggia a rigare il vetro delle emozioni (“Glass Deers”).

Colpisce, in queste texture arabescate, l’attenzione per i timbri e per le sfumature, anche le più insignificanti. Si prenda, ad esempio, il brano eponimo: tra peregrinazioni in solitaria dentro tenebre luccicanti, frammenti lisergici in proiezione infinita, lullaby pianistiche, manipolazioni elettro-acustiche e voci dissezionate, si dispiega una sorta di nenia delle sfere celesti, come se Fursaxa e Julianna Barwick si fossero date appuntamento al cospetto di un cielo stellato. Un vero capolavoro.

Un suono finanche prezioso, essenzialmente tormentato ma teso al raggiungimento di un equilibrio più alto, intravisto anche lì dove i fondali sono cangianti e alieni (“Lammicken”) o dove sembra di riconoscere delle Cocorosie in versione electro (“Same Mum”), degli Architecture In Helsinki spastici (“Plath Heart”) o, addirittura, il fantasma della Penguin Café Orchestra (“Little Hand”).
Ma, d'altra parte, basterebbe la sola magnificenza dell’iniziale “Lemonade” per innamorarsi di questo disco.
In punta di piedi, direttamente sotto la pelle…


(11/01/2011)

  • Tracklist
1. Lemonade
2. Plath Heart
3. Glass Deers
4. Native Speaker
5. Lammicken
6. Same Mum
7. Little Hand

Braids su OndaRock
Recensioni

BRAIDS

Deep In The Iris

(2015 - Arbutus Records)
Terzo disco per il terzetto canadese, nel soldo di un elegante ed onirico electro-pop

BRAIDS

In Kind // Amends

(2013 - Arbutus)
Un intrigante cambio di rotta per il combo canadese, aspettando il nuovo lavoro sulla lunga distanza

BRAIDS

Flourish // Perish

(2013 - Full Time Hobby)
Il trio americano prosegue nel solco di un electro-pop onirico e dalle coloriture ambientali

News
Braids on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.