Chris Forsyth

Paranoid Cat

2011 (Family Vineyard) | neo-psychedelic americana

È la lunghissima “Paranoid Cat, Parts 1-3” ad aprire questo terzo lavoro solista (il primo, “Live Journal At The Mice Machine Vip Dance Floor”, risale al 2008) di Chris Forsyth, chitarra di Phantom Limb e Peeesseye, ma anche fondatore dell’etichetta Evolving Ear. E lo fa nel migliore dei modi, regalandoci uno dei momenti musicali più interessanti dell'anno. Le tre parti della suite del “gatto paranoico” giocano, infatti, con la tradizione dell’american primitive guitar, imbastendo un minimalistico florilegio Fahey-iano che schiude scenari insieme bucolici e metafisici, approdando dapprima in un’obliqua oasi new-age (con carezzevoli figure di pianoforte), per poi lanciarsi in un estatico andirivieni elettrico che sarebbe piaciuto tantissimo ai primissimi Television perché in perfetta apoteosi “Dark Star”. Insomma, un piccolo capolavoro.

Da questo momento in avanti, il livello qualitativo si abbassa leggermente, ma gli ultimi venti minuti sono comunque apprezzabili e mostrano un musicisti a suo agio con questa rilettura tutt’altro che scontata del passato. La passione per la tradizione apre, dunque, alla ripetizione dei Velvet Underground (stilizzati con taglio garagista in “New Pharmacist Boogie (For Jack)”) e al blues moribondo di “Front Street Drone”, qualcosa a metà strada tra la ricerca di una redenzione e la lacerante presa di coscienza della propria fragilità esistenziale.

La conclusiva “Anniversary Day”, invece, con il suo delicatissimo tocco elegiaco, prende per mano la psichedelia più trasognata degli anni d’oro e la conduce in un carezzevole girotondo di sensazioni ariose e variopinte, come se i Pink Floyd più malinconici (“Fat Old Sun”?) stessero suonando con gli angeli, sulla soglia del paradiso privato di David Crosby.
“Paranoid Cat” è un disco lontano dai parametri sperimentali delle due band “maggiori” di Chris, ma ha dalla sua una tonalità emozionale e un disegno immaginifico non trascurabili.

(31/08/2011)

  • Tracklist
1. Paranoid Cat Parts 1-3         
2. New Pharmacist Boogie (For Jack)        
3. Front Street Drone        
4. Anniversary Day
Chris Forsyth & The Solar Motel Band su OndaRock
Recensioni

CHRIS FORSYTH & THE SOLAR MOTEL BAND

The Rarity Of Experience

(2016 - No Quarter)
Un lavoro splendido, in cui il chitarrista di Philadelphia riesce a far convivere grazia e follia ..

CHRIS FORSYTH

Solar Motel

(2013 - Paradise Of Bachelors)
L'ambizioso psych-rock del chitarrista americano in quattro mini-suite sperimentali

CHRIS FORSYTH

Kenzo Deluxe

(2012 - Northern-Spy Records)
Cinque improvvisazioni in solitaria per il chitarrista americano

Chris Forsyth on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.