Ducktails

Ducktails III: Arcade Dynamics

2011 (Woodsist) | lo-fi psych-pop

Cassette e nastri magnetici, l'attualità della folle e multiforme produzione musicale; suburbs del New Jersey, giardinetti e verande; musica d'innovazione che è anche musica di sottofondo; sogni d'infanzia e incubi di mezz'età, nostalgia e futurismo. Questo è il mondo di Matthew Mondamile, che è un po' freak ma anche cool, e che, oltre al progetto Ducktails, cura anche, fra gli altri, quello dei Real Estate.
È un mondo contraddittorio, forse incomprensibile, quell'isola di giungla urbana dalla quale la Woodsist propone, a intervalli regolari, le proprie registrazioni di eremiti (Mondamile è, fra l'altro, vicino di casa e amico d'infanzia di Julian Lynch), ormai un po' pericolosamente rassomiglianti l'una all'altra. Questi eremiti sono meno isolati di quello che si pensa, naturalmente, il termine hypnagogic pop li stuzzica, li appaga probabilmente riunirsi sotto l'arco benevolo di questo termine così postmoderno, che è popolare, ma è anche accademico.

"Vado pazzo per la musica che suona come se fosse sempre in sottofondo tutto il tempo, come se fosse ambient, weird-drone. Quella musica sarà sempre lì. Ecco perchè la cosa della canzone non mi interessa davvero". Sapete a cosa andate incontro, ma aspettate, prima di abbandonare ogni speranza: la frase pare, nel sentire questo "Arcade Dynamics" - o "Ducktails Terzo" - una riedizione della vecchia favola della volpe e l'uva. Non è tutto patina arty, non è tutto un gioco a nascondersi di specchi e reminiscenze (come nella maggior parte delle diverse tracce strumentali, "Arcade Shift" per dirne una): i Beach Boys - che Mondanile vorrebbe reinterpretare, a sentire lui, in chiave new-age, con in mente una fantomatica terapia dronica - ci sono, le canzoni anche.
Non saranno magari le intuizioni melodiche del secolo: qualche giro in maggiore piacevole ("Don't Make Plans", la bella "In The Swing", con quel suo groove paludoso da Fleetwood Mac ubriachi), una giostra sgangherata con una sola idea, compositiva e d'arrangiamento, proposta per tutto il disco, che non ha niente di nuovo se la si paragona a quanto già visto l'anno scorso, soprattutto mutuando molte idee da "At Echo Lake" dei Woods.

"Come reinterpretare i Velvet Underground ricoprendoli di slime" sembra essere il canovaccio di "Hamilton Road" (o era Dylan?)... Carina eh, ma è tutto così: un lungo, sciatto scazzo diretto verso sistemi stellari di plastica e cartone, rigorosamente riciclabili.


(04/02/2011)



  • Tracklist
1. In The Swing
2. Hamilton Road
3. Sprinter
4. The Razor's Edge
5. Sunset Liner (For E. Young)
6. Little Window
7. Killin The Vibe
8. Arcade Shift
9. Don't Make Plans
10. Art Vandelay
11. Porch Projector
Ducktails su OndaRock
Recensioni

DUCKTAILS

Watercolors

(2019 - New Images Limited)
Il primo passo di un doloroso percorso di redenzione per l'artista americano trapiantato ad Atene

DUCKTAILS

Jersey Devil

(2017 - New Images Limited)
Ritorno "in cameretta" per il pop nostalgico di Matthew Mondanile

DUCKTAILS

St. Catherine

(2015 - Domino)
L'atteso nuovo disco del progetto alternativo di Mondanile dei Real Estate

DUCKTAILS

The Flower Lane

(2013 - Domino)
Il primo disco da vera band per il progetto di Matthew Mondanile dei Real Estate, sotto Domino

News
Ducktails on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.