Li Jianhong

Environment Improvisation

2011 (CFI Records) | free improvisation, field-recordings

Una volta, Zbigniew Karkowski (uno dei tanti discepoli di Iannis Xenakis) disse che Li Jianhong è, senza ombra di dubbio, il miglior musicista noise cinese. Affermazione condivisibile, anche se io estenderei il raggio d'azione, perché un disco come "三生石[San Sheng Shi]" rappresenta una delle cose più affascinanti e visionarie dell'ultimo decennio. Ritrovare Li alle prese con materiale completamente acustico è, perciò, una sorpresa.

"Environment Improvisation", box di 3 Cd edito dalla CFI, raccoglie meditazioni solitarie del chitarrista di Hangzhou, nella provincia di Zhejiang. Improvvisazioni che nascono dalla volontà di sperimentare un continuo andirivieni di sensazioni che scaturiscono dall'immersione totale dell'uomo-artista tra i labirinti della natura. Ecco, dunque, che "Twelve Moods", il primo disco registrato durante la piovosa notte del 15 Febbraio del 2009 nel tempio di Faxi Zen proprio in quel di Hangzhou, inizia proprio con "***Rain", nel bel mezzo di una pioggia incessante, mentre Li perlustra il manico della sua chitarra cercando un sentiero tra gli accordi e l'essenza sonora "nascosta" della natura che lo circonda. La ricerca di sonorità e di sfumature copre un raggio d'azione vastissimo e, allora, inutile stare lì a cercare di separare la melodia dagli arpeggi convulsi o dalle frantumazioni Bailey-iane, perché è proprio nella loro assoluta contaminazione che risiede il cuore di questa ricerca personalissima, lontana da qualsiasi tentazione commerciale.

Seduto di fronte allo spettacolo dell'accadere inesausto del tempo, Li prosegue senza sosta, circondato da cinguettii di uccelli, fruscii, rintocchi infinitesimali e barlumi di divinità semi-nascoste. D'altra parte, l'"environment improvisation" implica proprio la possibilità di poter improvvisare con qualsiasi cosa, con tutto lo spettro possibile delle "condizioni" quotidiane, in uno stato prossimo alla "perfezione". Un asceta dell'improvvisazione, insomma, che cerca di catturare il momento, così come un pittore cattura l'essenza di un paesaggio mediante l'attimo di una pennellata.
"Empty Mountain" (le cui registrazioni risalgono al dicembre del 2008 e al maggio del 2009) parte da un'immersione ancora più profonda: pochi accenni di chitarra e completo abbandono alla stasi apparente della natura ("Wind Blows In The Sunset"). In tutto questo secondo disco, i field-recording diventano meno appariscenti, lasciando emergere il suono della chitarra che, in qualche caso, tende all'introversione spinta ("Mud Under The Feet Of An Old Man"). Non siamo sui livelli qualitativi delle sue escursioni rumoriste e, certamente, questo lavoro sarà apprezzato solo dagli appassionati dell'artista cinese e di un certo modo di intendere l'improvvisazione, eppure "Environment Improvisation" sa regalare emozioni delicate e finanche magnetiche.

"Here It Is" (registrazioni risalenti al 2009 e al 2010) vede, infine, anche l'intrusione di voci umane ("A Morning At Qing Liang Peak"), accenti di musica indiana ("A Broken Lake"), sprazzi di cantato ("An Early Autumn Evening At Kinggo"), e programmi televisivi ("Improvising With TV - "Chen Zhen", "Improvising With TV, 2"). Si tratta, insomma, di un disco dall'umore più "metropolitano", perfetto per chiudere il cerchio, riannodando i fili sotterranei tra gli spazi naturali e i labirinti della modernità.

(22/12/2011)

  • Tracklist
十二境 Twelve Moods
  1. ***Rain
  2. *Rain***
  3. Curtains Of Rain
  4. ****Rain**
  5. When You Sigh About The Loneliness Of Rain
  6. Rain Cleaner
  7. **Rain*
  8. Rain***
  9. *Rain*
  10. **Rain
  11. Sit By The Night Window, Waiting For The Wind And The Rain
  12. Hmm, I'm Watching The Rain

空山 Empty Mountain
  1. Wind Blows In The Sunset
  2. The Dusk Brings Crows Home
  3. Doubt About The Way When Coming
  4. Find Many Ways When Looking Back
  5. A Hundred-year Dream
  6. Mud Under The Feet Of An Old Man
  7. Sighed About The Long Life When Being Young
  8. Find It Short As A Cloud-crossing When Getting Old

在這裏 Here Is It
  1. A Morning At Qing Liang Peak
  2. A Broken Lake
  3. An Early Autumn Evening At Kinggo, 2
  4. Improvising With TV - "Chen Zhen"
  5. Hutong Under The Window
  6. Listening To Mr. Ye's Story
  7. Itsumi Yuji At Shi Li Lang Dang
  8. Improvising With TV, 2
  9. A Stone Gate
  10. An Early Autumn Evening At Kinggo
  11. Talks At The Pigsty
  12. So, Let's Have The Tea
Caligine & Li Jianhong / Caligine & Zhu Xiaolong su OndaRock
Recensioni

CALIGINE & LI JIANHONG / CALIGINE & ZHU XIAOLONG

Shiyun / Yuxuan

(2013 - Nothing Out There)
Il progetto guidato da Gabriele de Seta a confronto con due dei musicisti più importanti della ..

LI JIANHONG

1969

(2012 - Buh Records)
Un'oscura etichetta peruviana rilascia uno dei gioielli del chitarrista cinese

LI JIANHONG

Lovers with Cloissone Bracelet

(2009 - Tipped Bowler)
Nuove peregrinazioni noise-ambient psichedeliche per il chitarrista cinese

LI JIANHONG

Classic Of The Mountains And Seas

(2009 - P. S. F. Records)
Un impressionante tour de force chitarristico, tra delirio lisergico e terror panico

LI JIANHONG

三生石 ( San Sheng Shi )

(2008 - Archive)
Dalla Cina, un colossale delirio noise-ambient psichedelico

Li Jianhong on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.