Monarchy

Around The Sun

2011 (100% Records/Hacan Sound) | synth-pop, dance

È possibile che un disco di debutto appena pubblicato sia già vecchio? No, non è una battuta riferita al solo contenuto dell'album in questione e a come suona (non del tutto almeno...), ma una constatazione dovuta al fatto che questo "Around The Sun" fosse già pronto per essere rilasciato sul mercato esattamente un anno fa, ma poi, per chissà quali motivi promozionali/burocratici, il tutto fu rimandato a data da destinarsi, nonostante il lavoro fosse addirittura finito illegalmente in rete, raggiungendo quindi le orecchie dei più attenti. Adesso però che il primo album dei Monarchy vede finalmente la luce, con l'aggiunta di un paio di pezzi nuovi di zecca e di alcune bonus track, l'ambizioso duo australiano può riprendere in mano i loro progetti di gloria.

Si, perché nonostante la pubblicazione indipendente, dietro la sigla Monarchy si cela un progetto tutt'altro che modesto e di basso profilo: un duo electro-pop (l'ennesimo!), diversi remix commissionati da star come Kelis e Lady Gaga, identità segrete e due nomi d'arte non proprio sobri come Edward Nigma e Peter Uzzle, i volti perennemente coperti da stravaganti maschere, e il "vanto" di essere i primi ad avere all'attivo un concerto tenutosi a Cape Canaveral e trasmesso nell'etere spaziale. Forti dell'immaginario evocato dai  loro videoclip, dalle voci filtrate e dai suoni spaziali in dissolvenza, i Monarchy sembrano non aver altro scopo che quello di spedire i loro ascoltatori in orbita.

È probabile però che per qualcuno possano sortire l'effetto contrario, ovvero quello di un grosso sbadiglio dovuto all'inevitabile paragone con l'ultimo dei tanti progetti synth-pop saliti ultimamente alla ribalta, quello degli Hurts. L'ascolto dei momenti più d'atmosfera dell'album, quali "Black, The Colour Of My Heart" e "You Don't Want To Dance With Me" , faranno sicuramente tornare in mente le sonorità sintetiche ma sempre pacate del duo di "Wonderful Life".
Un rimando solo superficiale, tuttavia, perché laddove gli Hurts sembrano riproporre nostalgicamente l'elettronica anni 80 più glamorous e romantica, i Monarchy paiono invece più interessati a riprendere quel discorso di "traslazione" e ricostruzione del sound ottantino e dell'arte del rumore iniziato, più di dieci anni orsono, da Daft Punk e Les Rhytmes Digitales, applicandolo però a un songwriting decisamente più pop e molto british.

Se "Around The Sun" fosse stato realizzato un paio di anni fa, sarebbe stato sicuramente più à la page, ma ora che il revival euro-trash regna sovrano rischia di rimanere un po' spaesato e in ombra; sarà forse per rimediare a questo inconveniente che uno dei due nuovi brani registrati appositamente per la pubblicazione ufficiale, il singolo "I Won't Let Go" (corredato tra l'altro da un videoclip dal forte impatto), sia anche quello più danzereccio e aggressivo, caratterizzato da un trascinante gorgo di synth in corto che cerca di sopraffare il falsetto di Nigma, in bilico tra estasi e tormento.
Il dancefloor era già stato comunque conquistato, seppur con coordinate differenti, anche grazie alla spudoratezza pop del precedente singolo, "Love Get Out Of My Way", che potrebbe verosimilmente candidarli quali futuri collaboratori di Kylie Minogue, la cui "Can't Get You Out Of My Head", tra l'altro, funge praticamente da base per costruire la più riflessiva e affascinante "The Phoenix Alive".

Un po' per tutti questi motivi l'ascolto è percorso da un confortevole senso di familiarità (si veda la melodiosa "Floating Cars"), misto però a quella prevedibilità che impedisce all'album di poter essere considerato un tassello fondamentale del genere, a maggior ragione se si tiene conto del fatto che si accomoda un po' troppo su morbidezze sonore poco incisive verso il finale; non prima però di aver conquistato definitivamente uno spazio nella mente con gli irresistibili ritornelli di "Maybe I'm Crazy" e "Jealous Guy", praticamente perfetti.
Sono solo al debutto ma già così sicuri (troppo?), adulti e arrivati, chi si nasconderà dietro quelle maschere?

(14/07/2011)

  • Tracklist
  1. Black, The Colour Of My Heart
  2. I Won't Let Go
  3. The Phoenix Alive
  4. Love Get Out Of My Way
  5. Maybe I'm Crazy
  6. You Don't Want To Dance With Me
  7. Around The Sun
  8. Jealous Guy
  9. Floating Cars
  10. Gold In The Fire
  11. Call
  12. Travelling By Ambulance
  13. Same Old You (bonus track)
  14. We Were Young (bonus track)
  15. Alien (bonus track)
su OndaRock
Monarchy on web