St. Ride

Primitivo

2011 (Niente Records) | avant-rock della dissociazione

“Primitivo” è il disco più criptico del duo Grandi-Gusmerini, resoconto sonoro di “una storia crudele, ridicola, cinica e disperata, raccontata nella lingua che usa Mongoholi Nasi per parlare ai cani selvatici”. E, così, parte “Relazione rudimentale” e ci si perde un universo sghembo/scheletrico, puro primitivismo avant- nel ricordo degli Starfuckers (si ascoltino, tra gli altri, “Ansimando sulla rampa” e “La luna tra i rami”) ma già da tempo “altrove”, in territori personalissimi e, nel caso specifico, oltre il dada-noise dell’ottimo “Cercando Niente”, alla ricerca di una forma canzone singhiozzante, estremamente aliena, “danneggiata” dal contatto con una realtà sempre più marcia e incomprensibile.

La non-lingua usata da Gusmerini, allora, assume una valenza tutt’altro che secondaria, perché è simbolo immediato di un dis-ordine che si è ormai impadronito della realtà, riverberandosi anche sull’anima. Purissima dissociazione sonica. Metafora di un vuoto che sviluppa metastasi anche tra le pieghe dell’immaginazione. “Attento all’uomo” sarà, quindi, pura costipazione di synth, pulsioni digitali e sbuffi metallici, qualcosa di veramente “ostile” e dis-umano, a tratti simile a certe avventurose pratiche avant-jazz che, durante gli anni Settanta, cercavano lo scontro creativo con l’elettronica. E, ancora, “Punti per disgrazie”, ovvero un’ameba disorientata; “Il vincitore monta”, una sordida ipnosi clownesca; “Non mi fai male” un Frank Zappa idiot-remix; “Molla l’osso”, “Sopravvissuto” e “Istinto primario”, intrugli devastati per onde corte, voci robo-dementi, guizzi di computer music, ruvidi tappeti rumoristi, in un’atmosfera complessiva di gelido distacco e paranoia senza fine.

Non era certo facile mantenersi sui livelli del disco precedente, eppure "Primitivo" è ancora una volta un’opera vitalissima, mai banale, confermando il valore di una delle poche realtà musicali veramente interessanti del panorama italiano. E, proprio per questo, misconosciuta e sottovalutata.


(16/05/2011)

  • Tracklist
1. Relazione rudimentale
2. Pulsazione brutale
3. Bravo cane
4. Attento all'uomo
5. Punti per discgrazie
6. Il vincitore monta
7. Carne ed ossa
8. Molla l'osso
9. Sopravvissuto
10. Non prego
11. Stato brado
12. Ansimando sulla rampa
13. La luna tra i rami
14. Piega la schiena
15. Fuori strada
16. Istinto primario
17. Non mi fai male
St. Ride su OndaRock
Recensioni

ST. RIDE

Fuori

(2014 - Niente Records)
La creatura del duo Grandi-Gusmerini continua a veleggiare verso lidi sonori sempre più alieni ..

ST. RIDE

Conquistare il mondo

(2013 - Niente Records)
Il misterioso duo ligure continua a declinare il verbo della dissociazione

ST. RIDE

Quando Arrivo Arrivo

(2012 - Niente Records)
Le terribili voragini di senso del duo genovese in un una nuova raccolta di non-canzoni

ST. RIDE

Tutto va bene

(2011 - Niente Records)
Nuovo lavoro per il duo Grandi-Gusmerini, questa volta alle prese con un'elettronica mutante e ballabile ..

ST. RIDE

Onde

(2010 - Niente Records)
Un esperimento di assemblaggio di onde corte per il duo Grandi-Gusmerini

ST. RIDE

Cercando Niente

(2010 - Niente Records)
Tra "gestualità" anarchica ed espressionismo spinto, il sorprendente ritorno del progetto ..

St. Ride on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.