Daniel Martin Moore & Joan Shelley

Farthest Field

2012 (Ol' Kentuck) | alt-country, folk

È un sodalizio prolifico e ormai mitico, questo tra Daniel Martin Moore e Joan Shelley. Le suadenti note di "Farthest Field" sembrano davvero arrivarci da una lontana veranda, soffiate via tra spighe di grano e fruscianti fronde di quercia. Appollaiati tra una casa sull'albero e una sedia a dondolo, i due hanno composto - con pezzi di entrambi - questo disco spinti dallo studio congiunto di "Trawlerman's Song" di Vashti Bunyan e Robert Lewis.
Registrato evidentemente con take dal vivo, "Farthest Field" ripercorre con massima veracità d'animo i percorsi dei grandi folksinger, sulla scia di quanto tracciato da Moore nella sua carriera.

Daniel ha trovato, pare, in Joan una compagna ideale, tanto che quasi tutto il disco è costituito da armonizzazioni tra i due, accompagnamenti appena accennati di chitarra, acustica ed elettrica, qualche nota di banjo - e Ben Sollee, a sua volta membro della "comune" raccolta intorno a Moore, fa la sua comparsa.
"Love comes sweet and slowly", canta Joan in una delle poche occasioni soliste, in una delle gentili, ruminanti ballate del disco - dalle quali si contraddistingue solamente la quasi Drake-iana "The Lengths". Dolce e lento e placido scorre anche "Farthest Field", forse fin troppo costretto nell'eleganza formale che sembra marchiare il nuovo corso di Moore, e trascinare con sé la più intensa Shelley.

Un lavoro di cui non si riesce neanche a pensare male, nel segreto delle proprie meningi; e questo è proprio il suo più grande limite. "Farthest Field" si fa voler bene: chi non vorrebbe essere su quella veranda, e canticchiare insieme a Daniel e Joan, partecipare al loro idillio, pieno di sentimento per l'altro e saggezza nell'esprimerlo?
Eppure il trasporto dei due sembra più ingenerato dall'eccitazione di riprodurre un canone elevato, quanto dall'esprimere un sentimento in modo personale e travolgente. È forse questo a dare alle canzoni questa spiritualità debole, che va di pari passo con un'ispirazione assai limitata.



(24/05/2012)



  • Tracklist
  1. First Of August
  2. The Lengths
  3. Cedar & Ash
  4. Hollow Heart
  5. To Be Lost Again
  6. Bright Water
  7. Farthest Field
  8. Sweetly By
  9. We Two
  10. Would You Tell Me Your Dreams
Daniel Martin Moore & Joan Shelley on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.