Lee Noble / Ensemble Economique

Motion Forever

2012 (Hands In The Dark) | ambient, dark-wave

Incontri arcani dalle parti della giovane label francese Hands In The Dark. Lee Noble da una parte, l’Ensemble Economique dall’altra, al centro una pellicola di celluloide aggrovigliata contenente i fotogrammi sgranati di un silent movie dimenticato. Il compito dei cospiratori radunati, tagliuzzare e rimontare le immagini cercando di ridare un senso alla matassa sfregiata.
Che le rotte di Lee Noble, Brian Pyle e Rv Paintings (aka Ensemble Economique) sarebbero presto finite per collimare del resto era già nell’aria nelle rispettive ultime opere: tra la sbornia folk-dronica in bassa fedeltà dell’acerbo “No Becoming” e le derive sempre più oscure ed epiche del suono disturbante dell’Ensemble con i synth di “Crossing The Pass, By Torchlight”, poteva essere tracciato infatti un parallelo in termini di intenti e "sentire" dark, prima ancora di una qualche convergenza stilistica tout-court.

Equamente spartito in due metà, “Motion Forever” vince in realtà proprio perché somma delle due parti. Per quanto vicini si siano ritrovati a essere le intenzioni del combo, l’album riesce a equilibrare le piccole mancanze ancora avvertibili nel suono dei singoli – distensione nell’Ensemble, dinamicità e “romanticismo” nelle composizioni di Noble.
Ma veniamo al contenuto della nostra pellicola, quindi. I quadretti insozzati di Lee Noble appaiono questa volta decisamente più a fuoco: sul nastro gravano così scure folate ambientali di natura psichica, umorale, una stasi attonita e depressa da cui si solleva pallidissimo lo scheletro di una sola canzone (“Woman In The Dunes”), che si estranea poi in una visione lunare alquanto surreale (“Memory Photo”). “Bed Spell” è pura inerzia dark, sequenza sbiadita di un affaccendarsi urbano contemplato dall’esterno, preludio alla bellissima accoppiata finale messa a segno dall’Ensemble Economique. “Your Hands, Your Lips, Your Eyes, Your Hips” si solleva verso i cieli eterei e decadenti dei This Mortal Coil per profanarli a scurissimo e sensuale commento di una psicosi metropolitana latente e irreversibile.

Uno spettacolo di elegante desolazione in cui non sono previste uscite d’emergenza: in chiusura arriva infatti lo spettrale numero darkwave di “Radiate Through Me”, brano circolare e ingannevole, come vedere apparire Badalamenti un attimo prima dell’oblio illusorio e dei titoli di coda, come fermarsi di colpo sul ciglio della strada e avere la lucida impressione che sia tutto un errore.
Il trio lega insieme input e suggestioni in bianco e nero, che arrivano da un dove e un quando non definibili, riproduzione idealmente continua e senza finale cui affidare almeno per trentacinque minuti il proprio inconscio svincolato.
Più che un punto d’arrivo, per la combriccola, le basi per un nuovo, eccitante, giro di boa.

 

(01/12/2012)

  • Tracklist
  1. Wrapped In Black
  2. Woman In The Dunes
  3. Memory Photo
  4. Bed Spell
  5. Your Hands, Your Lips, Your Eyes, Your Hips
  6. Radiate Through Me
Ensemble Economique su OndaRock
Recensioni

ENSEMBLE ECONOMIQUE

Blossoms In Red

(2015 - Denovali)
Come di consueto, l'autunno Denovali regala il nuovo lavoro del marchio di Bryan Pyle

ENSEMBLE ECONOMIQUE

Melt Into Nothing

(2014 - Denovali)
Passaggio nei territori di casa 4AD per la one-man band di Brian Pyle

ENSEMBLE ECONOMIQUE

The Vastness Is Bearable Only Through Love

(2013 - Shelter Press)
Il nuovo lavoro dell'Ensemble Economique, all'insegna dell'ambient-drone

ENSEMBLE ECONOMIQUE

Light That Comes, Light That Goes

(2013 - Denovali)
Brian Pyle festeggia con due album in simultanea il nuovo contratto con Denovali

Lee Noble / Ensemble Economique on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.