Jeremiah Cymerman

Sky Burial

2013 (5049 Records) | free improvisation, elettroacustica, free-jazz

Trentaduenne clarinettista, produttore e ingegnere del suono di Manhattan, Jeremiah Cymerman è il leader dell’Amplified Quartet, in sui sono coinvolti anche il sassofonista Matt Bauder e i trombettisti Nate Wooley e Peter Evans. Il primo parto discografico di questo nuovo progetto si chiama “Sky Burial” ed è un’odissea in bilico tra elettroacustica e free improvisation, in cui le scorribande dei quattro scolpiscono un suono viscerale e vibrante, scorticato e deformato da tutta una serie di pedali, congegni elettronici e tecniche di cut-up che amplificano a dismisura le possibilità esplorative e il livello d’astrazione delle loro partiture.

La title track sorge lentamente da un pullulare amorfo di gorgoglii sintetici, passa attraverso un conciliabolo di sibili, sbuffi, slap-tonguing e squassi percussivi, elevandosi, quindi, in un tripudio iper-amplificato di disseminazioni free che riescono a passare, anche nel giro di pochissimi secondi, da vette di estasi siderale a profondità luciferine. Preso il testimone, “Rogyapa” svela sempre più il significato insieme psicologico e “cosmico” di queste composizioni, mentre gli strumenti si lanciano in un crescendo babelico assediato da nebulose elettroniche. Solo quando il sax di Bauder decide di inalberarsi in un solo lancinante, allora il cerchio finisce per chiudersi con un tumultuoso decelerando.

Quando, invece, “Crazy Wisdom” si smarrisce in una foresta di simboli arcani, basta poco perché il tutto si risolva in un vorticoso carello di free-jazz dronico e, dunque, in una tavolozza sempre più espressionista e “materica”, degna della lezione dei Borbetomagus. Annunciato dalle invocazioni perforanti di “Mount Meru”, il mood della conclusiva “Skull Bowl” si avvicina a una sorta di misticismo straniato e vagamente orientaleggiante, stratificando bordoni e granuli rumoristi in una lenta e avvolgente spirale massimalista che teletrasporta i musicisti in un deserto di stelle morte.
Il disco rappresenta la seconda pubblicazione della 5049 Records, etichetta varata dallo stesso Cymerman.

(28/12/2013)

  • Tracklist
  1. Sky Burial         
  2. Rogyapa         
  3. Crazy Wisdom         
  4. Mount Meru         
  5. Skull Bowl
Jeremiah Cymerman su OndaRock
Recensioni

JEREMIAH CYMERMAN

Real Scars

(2014 - MNÓAD)
Il musicista newyorkese alle prese con una misteriosa interrogazione experimental-jazz

JEREMIAH CYMERMAN

Pale Horse

(2014 - 5049 Records)
Coadiuvato da due nuovi sodali, Cymerman prosegue la ricerca timbrica di "Real Scars"

Jeremiah Cymerman on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.