Lovesliescrushing

Ghost Colored Halo

2013 (Projekt) | dream-noise, ethereal-shoegaze

La storia dei Lovesliescrushing è una di quelle che assumono la rappresentazione di un cerchio che inizia e si conclude nel medesimo punto. Dopo il bagliore di notorietà nella metà dei Novanta come gruppo di punta del ramo dream-pop della Projekt Records – genere che comunque interpretavano con un taglio rumoroso decisamente erede di “Loveless” dei My Bloody Valentine – Scott Cortez abbandonò temporaneamente Melissa Arpin-Dumistra per tentare di adattare il suo noise alla rivoluzione glitch.
Tornato nel 2002 a incidere come Lovesliecrushing al fianco della fida compagna, per alcuni anni – di cui 3 di silenzio - ha cercato senza successo di coniare una formula a cavallo fra il “vecchio” dream-noise e l'estetica Fennesz-iana della disfunzione unita al guitar processing.

Il fallimento dei vari tentativi su Sonic Syrup (“Glissceule”), Line (“CRWTH”) e, più di recente, Handmade Birds (“Shiny Tiny Stars”) deve avere convinto i due a fare marcia indietro: e così questo “Ghost Colored Halo” segna contemporaneamente il ritorno alle sonorità delle origini e alla Projekt di Sam Rosenthal, che licenzia a tutti gli effetti il primo full-length dei Lovesliecrushing con una tiratura regolare dai tempi di “Voirshn”. Sette brani che paiono provenire, finalmente, dalle medesime menti che partorirono la doppietta “Bloweyelashwish” - “Xuvetyn”.

Quel che differenzia questo nuovo album da quell'epoca è la quasi totale rinuncia al rumore puro: quest'ultimo tende piuttosto a scivolare sullo sfondo amalgamandosi ai vortici della chitarra di Cortez, lasciando il primo piano alla melodia e alla voce sognante di Arpin-Dumistra. A conti fatti, gli effetti dei non troppo riusciti esperimenti dell'ultimo decennio tendono a palesarsi con successo in questo ritorno alle origini: i riverberi ovattati di “Whitening Glos” ne sono la prova più lampante, assieme alla pura ambient-drone dal gusto cosmico di “Gost Colored” e del lungo finale di “Blacklight Thundering Halo”.

L'iniziale “Blemished Sunspot” e “Darklit And Crow” si configurano invece come autentici salti nel passato, fra vocalizzi sospesi e muri di chitarre in bassa definizione a flirtare con accenni di rumore. Quest'ultimo tende invece a farsi da parte nel candore dell'altrettanto nostalgica “The Tiger Hunts Alone” e a fuoriuscire con gran vigore unicamente in “The Wounds That Won't Heal”, possibile outtake di “Bloweyelashwish”.

Quello dei Lovesliescrushing è un ritorno in grandisismo stile, che per anni gli appassionati dei suoni dream avevano sognato. Pur non aggiungendo sostanziali novità al loro classico sound, “Ghost Colored Halo” torna a far brillare un marchio che col senno di poi ha probabilmente sacrificato la propria identità musicale in nome di una ricerca che avrebbe dato i suoi frutti nel futuro. Aggiornando alle tecnologie e ai suoni odierni l'estetica shoegaze nella sua accezione più eterea, Cortez e Arpin-Duimstra centrano l'obiettivo di tornare nell'olimpo al quale da tempo sembravano aver voluto rinunciare.

(20/06/2013)

  • Tracklist
  1. Blemished Sunspot
  2. The Tiger Hunts Alone
  3. Darklit And Crow
  4. The Wounds That Won't Heal
  5. Whitening Glos
  6. Ghost Colored
  7. Blacklight Thundering Halo
Lovesliescrushing su OndaRock
Recensioni

LOVESLIESCRUSHING

Girl. Echo. Suns. Veils.

(2010 - Projekt)
Doppio album per oltre due ore di intensi muri shoegaze e approdi ambient. La raccolta-compendio del ..

Lovesliescrushing on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.