Lovesliescrushing

Girl. Echo. Suns. Veils.

2010 (Projekt) | ambient, shoegaze

Siamo nel 1990 e il sogno shoegaze vive il suo momento di massimo fulgore. I maestri My Bloody Valentine lavorano alle travagliate session di "Loveless", debuttano Ride, Lush, Pale Saints, si affacciano sulla scena Slowdive e Swervedriver. Ma il fermento non vive solo tra i giovani delle università britanniche. L'eco arriva sin nel lontano Michigan, raccolto da un silenzioso teenager di origine ispanica di nome Scott Cortez. Il quale, armato di null'altro che una chitarra, qualche effetto e un registratore 4 piste rimediato alla meno peggio, inizia a dare forma alla sua personale ossessione sonora, infiammata dalle distorsioni dei MBV.

Passa un anno, autunno 1991, e mentre il mondo saluta "Loveless" e "Just For A Day", a Scott Cortez si unisce la vocalist Melissa Arpin, segnando così la nascita ufficiale dei Lovesliescrushing. Da quel momento, lungo una carriera ormai quasi ventennale, il duo statunitense ha esplorato in solitaria i più estremi confini espressivi del suono shoegaze. Abolita la sezione ritmica, ridotta la melodia a poco più di una flebile traccia, fedele a un rigoroso artigianato lo-fi, Lovesliescrushing è stato fertile laboratorio di alcune tra le più ardite astrazioni mai messe in musica. Con niente più che una voce e una chitarra.

Preparato lungo il corso di due anni, "Girl. Echo. Suns. Veils." è l'inventario di registrazioni risalenti ai primi anni Novanta, periodo d'oro del duo culminato nell'epico "Xuvetyn", loro insuperato vertice datato 1996. Scott Cortez ha minuziosamente rielaborato ogni singola traccia, pescando versioni originali di brani già noti e altre rarità o inediti.
Nel wall of sound potente e paradisiaco di "Babys Breath" si celebra subito l'estetica del gruppo: pennellate geometriche, linee e spigoli che scompongono il tessuto melodico, stratificazioni e ondate di rumore isolate e sovrapposte in blocchi di suono che appaiono e svaniscono, la lezione di una "To Here Knows When" portata alle estreme conseguenze.

Si susseguono senza tregua, nella febbrile, intensa adorazione della pura texture, "Seahorse" e "Wallflower", "Elephai", "Feathermouth" e "Blurskin", poco cambia da un brano all'altro, ed enorme è l'afflato visionario di queste canzoni, scientificamente svuotate di forma e contenuto.
Logico che un percorso simile fosse destinato ad approdare su lidi dichiaratamente ambientali, e già l'eterea, incredibile "Aviatrix" toglie molti strati di chitarra per concentrarsi su strutture vicine a ciò che sarà il glitch digitale. Cortez stesso approfondirà il discorso nei progetti di inizio anni 2000, come Astrobite e l'album "Voirshn".

Per intanto, il disco bonus allegato al lussuosissimo (e ultra-limitato) cofanetto, "Avianium", testimonia come già nei primi 90's la ricerca del chitarrista lo avesse condotto alla creazione di placide vignette ambient. Una lezione, quella dei Lovesliescrushing, difficilmente ereditabile e riproducibile (c'è voluta una band di estrazione metal come i Pyramids per fare finalmente tesoro delle intuizioni di Scott Cortez, il quale non a caso ha remixato brani del loro primo album), e di cui "Girl. Echo. Suns. Veils" è il monumentale compendio.

Nota:
Il secondo album "Avianium" è disponibile esclusivamente in formato digitale o come bonus nel cofanetto 2cd deluxe, hand-made dallo stesso Scott Cortez e limitato a sole 300 copie. L'edizione standard in CD del solo "Girl. Echo. Suns. Veils." è prevista per il prossimo agosto.

(08/03/2010)

  • Tracklist
Disc 1 - Girl. Echo. Suns. Veils.

1. Babys Breath
2. Spidery Velvet
3. Wallflower
4. Seahorse
5. Elephai
6. Bloody Jeweldrop
7. Feathermouth
8. Blurskin
9. Deolah
10. Sugarglow
11. Lips To Kiss
12. Aviatrix
13. Kittenmother
14. Webbed
15. Winglike
16. Mothduster
17. Goldenfur

Disc 2 - Avianium

1. Birdlike Licht
2. Orphan Comet Tails
3. Horse and Starstreak Twilight
4. Firefly Rifle River
5. Quilcurial
6. 4th Of July Sky
7. Slow Ship Giant Vessel
8. Last Blue Ray
9. Ghost Blush Rainbows
10. Desert Train and Weathervanes / Distant Horizon Shimmer
11. Kirkbright Colossal
12. Deep Red Whitevapourtrails
13. Siamese Summer Echo
14. Snowflecked
15. Frozen Lake, Warm Sun, Gilted Glow
Lovesliescrushing su OndaRock
Recensioni

LOVESLIESCRUSHING

Ghost Colored Halo

(2013 - Projekt)
Il ritorno alle origini e a casa Projekt del duo di Tucson

Lovesliescrushing on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.