Domenico Crisci

The Old Candelabra

2014 (L.I.E.S.) | techno

C’è fermento nel sottobosco techno italiano. Un discreto fermento dettato dalla necessità di evadere dai soliti schemi triti e ritriti negli ultimi vent’anni attraverso una formula divenuta ormai solo una copia sbiadita della tela tessuta dai maestri di Detroit due decadi or sono.
L’esigenza di accantonare il passato mediante una nuova sensibilità sonora attraversa così i vari micro-circuiti elettronici del nuovo e del vecchio continente, alimentando un'urgenza espressiva in cui l’essenzialità del battito sposa atmosfere maggiormente dense, tendenti a mantenere un determinato profilo “ambient”, all’occorrenza cariche di pathos e costellate qua e là da impercettibili scie cosmiche. Tale seducente fuga non poteva, inoltre, rinunciare a un approccio squisitamente umano. Le comode ed elementari creazioni strettamente computerizzate (le quali, purtroppo, continuano a fare la fortuna di tanti dj-producer (?) techno nostrani, sorti come funghi negli ultimi anni digitali) obbligano inoltre a una ancor più attenta valutazione della bontà di una qualsivoglia produzione odierna. In tal senso, le “macchine” (synth e dintorni) acquisiscono un ruolo determinante nell’analisi generale di questa camuffante e globale diversificazione produttiva.

Tra i vari piccoli centri di produzione spuntati al di là dell'Atlantico, il quartier generale della L.I.E.S., etichetta dell’acclamato produttore Ron Morelli, è sicuramente uno degli avamposti più intriganti del nuovo scenario techno internazionale (Legowelt, Telekke, Marcos Cabral, Svengalisghost) e offre alcuni dei i segni più tangibili di questa nuova coscienza elettronica.
Nel poco consueto “shopping” attuato recentemente da questi stravaganti cecchini statunitensi tra i pochi (reali) pezzi pregiati in vetrina nell’amato Belpaese, spicca senza alcun dubbio il nome di Domenico Crisci.
Di Santa Maria Capua Vetere, Crisci si avvicina fin da piccolo alla musica elettronica, dapprima collezionando vinili e sintetizzatori,  successivamente, approfondendo la propria ricerca musicale in quel di Londra, dove si trasferisce nel 2002 per studiare al Sae Institute, prima di spostarsi a Milano e frequentare i corsi di Audio Engineering (ancora presso Sae), conseguendo così il titolo fino a perfezionarsi in Audio Production di livello BA (Bachelor of Arts). Insomma, un vero e proprio manipolatore elettronico con tutti i requisiti (e gli “attributi“) necessari alla nobile causa.

Le quattro tracce contenute nel qui presente Ep “The Old Candelabra”, sanciscono l’esordio per l’etichetta newyorkese. In esse traspare fin da subito una netta demarcazione territoriale dalle attuali aride pianure filo-detroitiane, atta ora a racchiudere un inafferrabile e suadente tribalismo quartomondista (l’introduttiva title track), ora a sottolineare un'ansiolitica e ossessiva progressione voltaica (”Silver”). Parimenti, le inquietudini industriali proprie della benemerita e ancora rimpianta Sandwell District, tornano a palesarsi nella spettrale “Swan Wings”, smorzata quanto basta per scuotere animi e tutto il resto, prima che la conclusiva “Transit” avanzi imperiosa inondando lo spazio con piglio tremendamente androide e intimidatorio.
In sostanza, Crisci mette in luce un modello techno irresistibilmente cupo e marziano, teso a isolarsi solo in apparenza e in superfice, sfruttando con grazia e sensibilità la profonda spinta sintetica che ne avvolge gradualmente i sequenziali tumulti. L'effetto è avvolgente e raggelante al tempo stesso, e sottolinea l'intensa tenacia nel fornire un'interiorità spessa e precisa a quella cosa chiamata techno.
“The Old Candelabra” mostra in definitiva l’avvento di un alieno, le cui future creazioni sono già l’evento da attendere.

(06/09/2014)

  • Tracklist

1. The Old Candelabra
2. Silver
3. Swan Wings
4. Transit 

Domenico Crisci su OndaRock
Recensioni

DOMENICO CRISCI

Issue N. 12

(2016 - Jealous God)
Ennesimo centro per il talento elettronico italiano

DOMENICO CRISCI

The Violinist

(2016 - Summa Cum Laude)
È giunto il tempo di fare le cose sul serio per l'artista casertano

DOMENICO CRISCI

Ceremony

(2015 - Eerie)
Nuovo 12" per il talentuoso dj-producer italiano

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.