Mary J. Blige

The London Sessions

2014 (Capitol) | r'n'b, uk-house, dance

Perdoniamole l'equivoco: in un primo momento "The London Sessions" ci era stato presentato come una mossa radicale, dove l'attraversamento dell'Atlantico sembrava il punto di non ritorno anche per una come Mary J. Blige, fiera newyorkese cresciuta nel Bronx (ancora ne porta la cicatrice in viso). In realtà Mary non si è trasferita in uno squat di Deptford a sperimentare con garage e Uk-bass: piuttosto, ha fatto check-in al Mandarin Hotel di Hyde Park e ha raccolto attorno a sé tutti i nomi associabili all'alta classifica inglese degli ultimi tempi – Sam Smith, Emeli Sande, Naughty Boy, Sam Romans, Eg White e i Disclosure. La Londra di Mary è dunque un posto elegante ed esclusivo che tradisce una visione del vecchio mondo romantica e un po' stereotipata, e le sonorità amate dai londinesi come urban e house sono in realtà delle semplici cornici attorno alla sua forte presenza.

Tuttavia, una mossa è avvenuta ugualmente, e "The London Sessions" è sicuramente un passo avanti per una diva giunta all'undicesima pubblicazione di una carriera certo blasonata ma recentemente un po' in calo. La formula confessionale, cruda e dolorosamente "stonata" rimane intatta: Mary non ha mai attraversato la vita con grazia, anche all'apice del successo, le sue vicende private erano dominate da uomini violenti, droga, alcol e profonda depressione. Oggi, sobria da quasi due anni e finalmente accasata in una relazione stabile, ha trovato le parole per guardare al proprio passato, e lo fa senza lacrimevole tristezza né eccessivi drammatismi di sorta, anzi a momenti tirando quasi un sospiro di sollievo e chiedendosi come abbia fatto a sopravvivere a certe situazioni – finalmente lo può dire: "No More Drama".

L'interpretazione è quanto di più nudo e vulnerabile Mary abbia commesso su disco da anni a questa parte; le crude parole di "Whole Damn Year" e la disarmante semplicità di "When You're Gone", il doo-wop di "Therapy" e i marcati cori di "Doubt", oppure due splendide ballate come "Not Loving You" e "Worth My Time" sono indicatori del suo nuovo spaccato di vita, e tradiscono una forza interiore finalmente vincente ma ancora dolorante e con diverse cicatrici da rimarginare. La nuova deriva electro-dance di "Right Now", "Loving You" e "Nobody But You" aumenta i bpm e porta nuova linfa alla vecchia formula r'n'b, ma l'atmosfera rimane intima e personale come se la mano dei fratelli Lawrence accarezzasse il synth con fare quasi intimorito dalla presenza di una simile vocalist.

Certo, "The London Sessions" presenta qualche passaggio meno incisivo come "Long Hard Look" e "Follow", oppure il bizzarro sample di clarinetto di "Pick Me Up", e manca di un singolo incisivo per rilanciarsi in grande stile come ai tempi di "Family Affairs" – nonostante la critica entusiasta, le vendite al momento non sono certo delle migliori. Ma tutto sommato sono peccati veniali: dopo anni di lavori passati sottotono, "The London Sessions" mostra una Mary J. Blige adulta e caparbia, forte come non mai della ritrovata sobrietà e capace di scommettere sul proprio futuro azzardando una mossa diversa dal solito. Ma soprattutto, queste sessioni ci regalano un pugnetto di brani molto emozionanti che potrebbero anche misurarsi con la sua dorata produzione anni 90. Bentornata Mary.

(04/12/2014)



  • Tracklist
  1. Therapy
  2. Doubt
  3. Not Loving You
  4. When You're Gone
  5. Right Now
  6. My Loving
  7. Long Hard Look
  8. Whole Damn Year
  9. Nobody But You
  10. Pick Me Up
  11. Follow
  12. Worth My Time




Mary J. Blige on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.