Steve Gunn

Way Out Weather

2014 (Paradise Of Bachelors) | americana, psych-country

Da quando il tempo atmosferico non è più una variabile casuale che può al massimo determinare una passeggera variazione d’umore, ma tutto a media nulla, e ci siamo resi conto che invece ci siamo messi su un brutto binario e il nostro umore non potrà che peggiorare, ecco che anche l’arte trova modo di flirtare col nostro concetto e rapporto con la meteorologia.
Il tempo, in “Way Out Weather”, non appare in realtà così minaccioso: il nuovo disco di Steve Gunn, con evidenza un chitarrista prestato al songwriting, rappresenta però un consolidamento del particolare rapporto di questi con la tradizione americana e con tutto il suo contesto iconografico.

I paesaggi si fanno infatti ancor più vasti, dipanandosi come emergenti nella nebbia, che i riff sempre tersi ed eleganti di Gunn dissolvono pian piano (“Milly’s Garden”). Forse meno potente dal punto di vista espressivo e troppo innamorato degli strumenti per avvicinarsi troppo, “Way Out Weather” ricorda in diversi passaggi “Lost In The Dream” o “Wakin’ On A Pretty Daze” (“Drifter”) – ma, chissà perché, in quel certo modo per cui non ci aspettiamo che Kozelek lo definisca mai “beer commercial music”.
Troppa padronanza – “troppa” in tutti i sensi, forse – per essere apostrofato in quel modo, a vedere il bel cambio di passo tra l’ottima jam da “cavallo pazzo” di “Drifter” e la psichedelia uggiosa di “Atmosphere”, che si concretizza poi nelle visioni Conrad-iane della tenebrosa giungla di “Tommy’s Congo” (buona e inaspettata l’interpretazione vocale di uno Steve sciamanico).

Insomma, “Way Out Weather” rappresenta un bel passo in avanti per Steve Gunn, che riesce, più che in “Time Off”, a utilizzare compiutamente le sue competenze e il suo talento di musicista. Se tutto questo si possa tradurre in un qualcosa di più potente e viscerale, è ancora tutto da vedere.

(07/11/2014)



  • Tracklist
  1. Way Out Weather
  2. Wildwood
  3. Milly’s Garden
  4. Shadow Bros
  5. Fiction
  6. Drifter
  7. Atmosphere
  8. Tommy’s Congo
Steve Gunn su OndaRock
Recensioni

STEVE GUNN

The Unseen In Between

(2019 - Matador)
Il chitarrista di Brooklyn delinea sempre più la sua figura di cesellatore psych-country

STEVE GUNN

Eyes On The Lines

(2016 - Matador)
Il ritorno dell'ex-Violators col suo disco più potente

STEVE GUNN

Time Off

(2013 - Paradise Of Bachelors)
Il prezioso lavoro solista del chitarrista di Kurt Vile

News
Steve Gunn on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.