Joe Victor

Blue Call Pink Riot

2015 (Bravo Dischi) | folk-rock, blues

Mezzanotte e un incrocio di campagna malamente asfaltato: è già inverno nello stomaco del Mississippi, vento traditore tra gli immensi campi di cotone a est e l’eco del Grande Fiume che sussurra poco lontano, dall’altra parte. Siamo a metà degli anni Trenta ma non c’è chiarezza sul luogo: Rosedale, forse Clarksdale. Di “sicuro” o meglio, di leggendario, c’è un giuramento: l’anima in cambio di un suono. Quel suono. Mercurio Selvaggio. La custodia della chitarra è vuota, abbandonata sul ciglio della strada, le scarpe ormai consunte mentre lo vedi andar via, devastato dal vagare senza meta. 
Ma l’attesa è finita e Robert Johnson ha stretto il suo patto col diavolo. Prima era solo un pivello, un principiante vagabondo. Ora è il più grande chitarrista blues del Delta, le porte di ogni locanda si spalancano come le bocche quando quel ragazzo siede e l’incantesimo ha inizio. Il pubblico vive la magia senza parlare, applaude forte. A qualcuno sembra di scorgere un’aura intorno a quella musica, un soffio maledetto, pericoloso e al tempo stesso tremendamente attraente. Poi giù il sipario.
Passano gli anni, i decenni, eppure qualcosa di quell’aura resta come impigliata nell’aria.
Infine si libera e attraversa l’oceano, si tuffa in un altro mare per poi riemergere in un luogo e in un contesto che più diversi non si potrebbe.

Siamo infatti a Roma. E’ di nuovo inverno ma il tempo è quello di oggi. La location, un vecchio teatro nel centro storico. Il concerto rock è appena iniziato e un fascio di luce gialla illumina la band. Il cantante ha i baffi e gli occhi chiusi, le braccia arringano la folla come quelle di un predicatore in una chiesa battista del Sud. Dietro e al suo fianco, un tastierista geniale e sorridente, una sezione ritmica che non sbaglia un colpo. Il pubblico trattiene a stento l’entusiasmo. Sono passati decenni da quella mezzanotte e da quel fatidico incrocio, la musica stessa ha cambiato pelle e colore già infinite volte, eppure qualcosa di quell’antica aura, un granello di quell’incantesimo così diabolico e sexy, è qui stasera. C’è il blues e il gospel, c’è l’urlo di Little Richard e quello di James Brown, uno slancio e un'attitudine che credevamo sepolti per sempre, perché la nostra è stata terra di rock'n'roll solo per un battito di ciglia e una manciata di stagioni.

Invece i Joe Victor, quartetto romano al disco d’esordio, ci portano altrove. Fermano il tempo e cantano in inglese in maniera credibile tanto che, anche se non si conosce bene la lingua, ci si lascia andare al suono. Mercurio Selvaggio. Ascoltare i loro pezzi più melodici e movimentati (“Bamboozled Heart”, “Made 2 B. the 1”, “School Bus” o “Cold”) significa ripartire alla scoperta dell’America, salire a bordo di un tour bus in stile “Almost Famous” e fare il pieno di buone vibrazioni e album dei Creedence Clearwater Revival.
Già, perché i riferimenti sonori della band affondano nella sorgente dei grandi del rock anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, influenze presenti eppure perfettamente assimilate verso un’identità già ben definita e riconoscibile malgrado il poco tempo trascorso dalla fondazione del gruppo.

E il gioco non finisce con l’espressione scatenata del rock più viscerale. C’è spazio infatti, e parecchio, anche per sfumature più soffuse e delicate, quasi psichedeliche. Sono quelle di “Days”, di “All The Ladies” e “Slip Away”, ballate acustiche in bilico tra Caravan, Beatles e Bowie (periodo "The Man Who Sold The World"), per non dire di “Tomi” e del suo soffice equilibrio à-la Simon & Garfunkel. Infine un brano, “Love Me”, il più cliccato e popolare finora, che ci traghetta tra Bahamas e Giamaica attraverso echi di reggae e una vocalità graffiante che con piacere ci riporta alla memoria l’indimenticabile (e purtroppo dimenticato) Exuma, stregone caraibico trapiantato a New York City, rabdomante del crossover tra calypso, folk e suggestioni seventies.
Sembra non mancare nulla a questi ragazzi: melodia, urgenza espressiva, personalità, una carica live davvero fuori dal comune, canzoni orecchiabili e memorizzabili già al secondo ascolto, la grinta e lo slancio di chi punta in alto, fuori dall’asfittico, auto-referenziale scenario "indie". Di chi è qui per la musica senza secondi fini: non per gli autografi o per il facile riscontro televisivo.
Ci auguriamo quindi che la bontà della proposta, distante anni luce dal becero nazional-popolare perennemente in voga, possa portar fortuna ai Joe Victor. “Blue Call Pink Riot” è una gran bella sorpresa, tra gli album migliori dell’anno che volge al termine. Che quell’antica aura e quel vento possano portarli lontano.

(18/12/2015)



  • Tracklist
  1. Bamboozled
  2. Love Me
  3. Days
  4. Made To B. The 1
  5. Tomi
  6. Electric Life
  7. All The Ladies
  8. Thank You John (Live In Radio)
  9. Cold
  10. School Bus
  11. Slip Away
  12. Oh Wap Busted (Electric Life Reprise)
Joe Victor su OndaRock
Recensioni

JOE VICTOR

Night Mistakes

(2017 - Bravo Dischi)
I romani cambiano le carte in tavola con un secondo disco dal sound imprevedibile

Joe Victor on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.