Martin Courtney

Many Moons

2015 (Domino) | psych-pop, jangle-pop

Mancava in effetti Martin Courtney all’appello dei membri dei Real Estate con un progetto alternative/solista: finora il più fortunato è stato decisamente Matt Mondanile, con i suoi Ducktails, ma anche Alex Bleeker ha pubblicato quest’anno un nuovo disco del suo progetto Alex Bleeker & The Freaks, un placido e innocuo album country-pop (“Country Agenda”).
Di tutti, Courtney forse è quello che più si identifica nei Real Estate, e questo “Many Moons” è il più vicino di questi progetti paralleli alla band di provenienza, abbastanza da chiedersene il senso, se non in una gemmazione di carriere soliste che escludono la prosecuzione di quella iniziata insieme. Un po’ come (forse) è successo ai Fleet Foxes.

Se proprio vogliamo trovare qualche differenza in “Many Moons”, è in uno stile più riflessivo e cantautorale, che non disdegna di arricchirsi di arrangiamenti per archi (“Asleep”, “Before We Begin”), tra educati amarcord Beatles-iani (“Little Blue”) e controllati garage-country profumati di West Coast (“Asleep”). Si giunge così a una sorta di colloquialità con l’ascoltatore, grazie al sound come al solito impeccabile, ormai fissatosi come riconoscibile in chi segue la band.
In generale, però, pochi dei brani danno qualcosa in più del solito, elegante easy listening chitarristico, sorretti da soluzioni strumentali già ampiamente sperimentate e consolidate.

(24/10/2015)

  • Tracklist
  1. Awake
  2. Foto
  3. Vestiges
  4. Before We Begin
  5. Northern Highway
  6. Many Moons
  7. Asleep
  8. Little Blue
  9. Focus
  10. Airport Bar
Martin Courtney on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.