Parquet Courts

Monastic Living

2015 (Rough Trade) | experimental noise

Non mollano la presa i Parquet Courts, continuando a cavalcare l’onda dell’improvvisa notorietà nel circuito underground mondiale, riempiendo il mercato con progetti paralleli (Parkay Quarts, ma son sempre loro con soltanto il nome modificato) e disseminando live set serrati e devastanti (li abbiamo visti poche settimane fa al Monk di Roma).
Per chiudere in bellezza il 2015, ecco un nuovo lavoro (chissà per quale motivo presentato in via ufficiale nelle vesti di Ep) quasi interamente strumentale, che mette in rilievo il loro lato più experimental noise.

In queste tracce i ragazzi travasano il risultato di session nelle quali si son lasciati prendere la mano dall’urgenza di suonare senza canovacci prefissati, a briglie sciolte, con chitarre ed elettronica che si rincorrono a disegnare inestricabili muri di suoni, e il piglio di chi da un lato vuole osare, e dall’altro prendere bonariamente per i fondelli l’ascoltatore.
“Monastic Living” esce per Rough Trade, un esordio che avremmo immaginato diverso nei contenuti, ma i Parquet Courts approfittano della chance per spiazzare tutti, quindi totale assenza di “canzoni”, sostituite da una studiata alternanza fra brevi staffilate noise da un minuto o poco più (“Elegy Of Colonial Suffering” e “Frog Pond Plod” sono figlie dei Sonic Youth primi anni 80) e lunghe digressioni giocate sulla ripetitività (“Vow Of Silence” arriva a coniugare kraut e shoegaze).

Feedback innestati su loop senza fine, rumorismi assortiti, libertà espressiva a tutto spiano, e una chicca piazzata in apertura, la sana follia della concisa ed efficace “No, No, No!”, l’unico sprazzo pseudo-cantato.
Poi ulteriori 33 minuti di intransigenza che hanno giusto il rischio di tediare i fan poco avvezzi alle forme di rock più avanguardistico.

“Monastic Living” è un lavoro coraggioso, che ci lascia curiosi di percepire le prossime mosse della band newyorkese, di scoprire quali mondi deciderà di esplorare: se concentrarsi sulla scrittura di un nuovo “Sunbathing Animal” o andare a parare altrove, lì dove nessuno si sarebbe aspettato.
Magari con una copertina migliore di questa…

(04/12/2015)

  • Tracklist
  1. No, No, No!
  2. Monastic Living I
  3. Elegy Of Colonial Suffering
  4. Frog Pond Plod
  5. Vow Of Silence
  6. Monastic Living II
  7. Alms For The Poor
  8. Poverty & Obedience
  9. Prison Conversion
Parquet Courts su OndaRock
Recensioni

PARQUET COURTS

Wide Awake!

(2018 - Rough Trade)
Con Danger Mouse in cabina di regia la band newyorkese cerca nuovi orizzonti stilistici

DANIELE LUPPI & PARQUET COURTS

Milano

(2017 - 30th Century)
Storie della Milano anni 80 rivestite da suoni newyorchesi, con Karen O ospite in quattro tracce ..

PARQUET COURTS

Human Performance

(2016 - Rough Trade)
Il quartetto newyorkese mescola la psichedelia velvettiana con i rumorismi dei Sonic Youth

PARQUET COURTS

Sunbathing Animal

(2014 - Rough Trade, What's Your Rupture?)
Il nuovo incendiario lavoro del quartetto di Brooklyn, tra i migliori dischi dell'anno

PARQUET COURTS

Tally All The Things That You Broke

(2013 - What's Your Rupture?)
Riscopriamo il bruciante Ep del quartetto americano, dalle session di "Sunbathing Animal"

PARQUET COURTS

Light Up Gold

(2013 - What's Your Rupture?)
Anthem punk in miniatura e influenze Pavement/Modern Lovers nel notevole esordio dei Parquet Courts

News
Parquet Courts on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.