Lisa Hannigan

At Swim

2016 (Ato) | folk-pop, chamber-folk

Padrona del distintivo di "vestale della carineria", nel bene e nel male, con due album all'attivo dalla forte sensibilità melodico-romantico Hansard-iana, Lisa Hannigan propone in questo "At Swim" un'immagine leggermente diversa, propulsa sicuramente anche dal sodalizio con Aaron Dessner dei National, che orchestra per lei flebili e spaziosi arrangiamenti che ricordano i Clogs del fratello Bryce.
Una scenografia sonora in chiaroscuro, con ampio spazio per silenzi e sommessi giochi d'intarsio, insomma il palcoscenico della temuta "maturità artistica" per la Hannigan.

La freschezza fa così spazio a più tetre e spettrali tirate ("Fall", "Tender"), immancabili brani a cappella come il canto "tradizionale ma inedito" "Anahorish", algide interpretazioni con accompagnamento elettronico ("Barton"), e più alate "arie", preghiere Peris-iane ("Ora").
Il tutto sembra indulgere, nonostante l'apparenza seriosamente chamber-folk, nell'immagine "carino-romantica" della Hannigan, che per altro non ha un repertorio eccezionale da dedicare a questo presunto salto di qualità espressivo, con una scrittura spesso davvero risicata e senza intuizioni ("Funeral").

Il tono così compreso e minimalista (di un'eleganza prevedibile) si scontra così con lo scarso interesse dell'ascoltatore per le canzoni di questo "At Swim", con il loro scarsissimo dinamismo, accentuato da una certa piattezza negli arrangiamenti. La sensazione di un'operazione di facciata rimane, alla fine, predominante.

(07/09/2016)



  • Tracklist
  1. Fall
  2. Prayer For The Dying
  3. Snow
  4. Lo
  5. Undertow
  6. Ora
  7. We, The Drowned
  8. Anahorish
  9. Tender
  10. Funeral Suit
  11. Barton
Lisa Hannigan on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.