Hater

You Tried

2017 (PNKSLM) | jangle-pop-rock, pop-wave

È un lavoro con una certa personalità, pur all'interno di un genere praticatissimo, l'esordio degli Hater di Malmo. Sembra un po' un revival wave passato attraverso un'immediatezza nineties, soprattutto grazie alla voce impositiva, appena raschiante e dal retrogusto mascolino della frontwoman Caroline Landahl ("Heavy Hearts").
Dal punto di vista della scrittura non c'è niente che lasci supporre un nuovo breakthrough act svedese, anche se il Paisley adrenalinico di "Cry Later" potrebbe essere una risposta indie ai Cardigans, con la sua batteria riverberante e l'atonale interpretazione vocale della Landahl.

Insomma, forse si può intuire come si tratti di un lavoro molto gradevole, pur senza picchi assoluti: c'è il jangle volitivo di "Mental Haven", effettivamente uno dei brani più rilevanti in ambito indie-pop degli ultimissimi tempi, che accelera brutalmente in un twee cavernoso in "Stay Gold", chiamando nuovamente a raccolta dive wave e post-punk nell'interpretazione di Caroline. Soprattutto, il disco si avvale di un grande incipit nell'elegante semplicità del jangle romantico di "Carpet".

"You Tried" ha in generale i tratti della rivelazione: urgenza, concisione e impatto melodico, personalità nel sound e negli interpreti, ma forse non una scrittura sempre al livello delle premesse, o del contorno, con qualche passaggio forse un po' scontato, o macchinoso (lo sforzo di "Common Way", i passaggi di tono della post-velvettiana "Had It All"). E qualche giovanilismo di troppo.

(22/03/2017)

  • Tracklist
  1. Carpet
  2. Mental Haven
  3. Common Way
  4. Had It All
  5. Cry Later
  6. Always to Get By
  7. Heavy Hearts
  8. Stay Gold
  9. You Tried
Hater su OndaRock
Recensioni

HATER

Sincere

(2022 - Fire)
Accantonate dolcezze da camera e velleità synth-pop, gli svedesi centrano il colpo

HATER

Siesta

(2018 - Fire)
La band di Malmö non cede alle tentazioni del mainstream

News
Hater on web