75 Dollar Bill

I Was Real

2019 (Tak:till/Glitterbeat) | alt-rock, blues, drone

Duo americano formato da Che Chen (ex-True Primes) e Rick Brownbaulk (già membro dei Run On, nonché autore di alcuni remix dei Tortoise), i 75 Dollar Bill sono da anni uno dei live act più eccitanti e imprevedibili della scena rock contemporanea.
Giunti a una maggiore notorietà solo nel 2017, grazie alla pubblicazione su scala internazionale del progetto targato 2016 “Wood/Metal/Plastic Pattern/Rhythm/Rock”, i due musicisti hanno elaborato un’esplosiva miscela di psichedelia, post-rock, arab-rock, cosmic jazz, desert-blues e drone music, con un linguaggio affine a quello dei Tinariwen, ma per molti versi più audace e sperimentale. Ancor più ipnotico e trascendentale, perfino più ruvido e polveroso, il roots-blues dei 75 Dollar Bill è come una massa spugnosa, pronta a catturare suoni e dissonanze. Il risultato è spesso poco ortodosso, eppure orchestrato nei minimi particolari.

In “I Was Real” il blues diventa una materia flessibile e universale, dove confluiscono elementi colti della musica etno-folk (scale pentatoniche, musica modale, eufonie etc.) e manipolazioni effettuate in studio di registrazione, che mirano a estrarre dalle già ragguardevoli improvvisazioni e ulteriori spunti creativi.
Per l’assetto del progetto 75 Dollar Bill, Chen e Brown optano per una formula inclusiva che vede variare costantemente gli elementi della formazione, nelle intenzioni dei due musicisti estendibile da quartetto a banda musicale fino a 25 elementi. Questo influenza la stesura di “I Was Real”, che in parte rielabora alcune tracce pubblicate nelle tre cassette limited edition (“Cassette”, “Olives In The Ears”, “Southeaster”), o reinventa alcuni spunti dei due album ufficiali (“Wooden Bag”, “Wood/Metal/Plastic Pattern/Rhythm/Rock”).

Allievo del maestro Jeiche Ould Chigaly, famoso chitarrista della Mauritania che ha collaborato insieme alla moglie Noura Mint Seymali al nuovo album dei Tinariwen  “Amadjar” in uscita il 6 settembre, Che Chen ha elaborato uno stile arcaico, ipnotico, epico, tra accordi semplici distesi all’infinito (“C. or T. - Verso”) e schemi complessi che si intrecciano con alterazioni e dilatazioni timbriche (“I.New New II.The Worm III.Like Laundry”).
Privo di virtuosismi, lo stile percussivo di Rick Brownbaulk è asciutto, quasi primitivo, estrapolato da una cassa di compensato dalla curiosa forma quadrata che funge anche da sedile (Cajon Drum), mentre maracas, campanacci, tamburelli e altre diavolerie artigianali guarniscono il tutto. Con identico approccio tecnico, il musicista si cimenta anche con strumenti a fiato, spesso realizzati in proprio, ampliando ulteriormente il fronte sperimentale, per molti versi affine alla ricerca sonora di musicisti come Henry Flynt o Sir Richard Bishop.

E’ intensa e viscerale, “Every Last Coffee Or Tea”, una traccia già apparsa su cassetta e qui rielaborata con viole amplificate, ritmi possenti e suggestioni desert-blues. Stessa energia ma differente approccio strumentale per ”Tetuzi Akiyama”, il cui ossessivo e possente riff chitarristico graffia fino a scoprire le sanguinolente venature blues del brano: un modus operandi elettrizzante, che il duo sperimenta anche per le convulsioni chitarristiche-percussive di “There's No Such Thing as a King Bee”.
E’ evidente che Chen e Brown non amino le sensazioni superficiali o epidermiche: tutta la loro musica scava nel profondo, conciliando logiche concettuali e fisicità con una naturalezza impressionante (“WZN3”) e lasciando l’ascoltatore in balia di un affascinante turbamento spirituale e materiale (“WZN3 - Verso).
Il brano più audace è comunque la title track: 17 minuti di improvvisazione desert-blues tra cambi tonali e sfumature percussive dai toni quasi gothic-dark, oggetto di lunghe diluizioni nelle travolgenti perfomance live. Imperdibile.

(01/07/2019)



  • Tracklist
  1. Every Last Coffee Or Tea
  2. C. or T. - Verso
  3. Tetuzi Akiyama
  4. I Was Real
  5. WZN3 - Verso
  6. I.New New II.The Worm III.Like Laundry
  7. There's No Such Thing as a King Bee
  8. WZN4
  9. WZN3


75 Dollar Bill su OndaRock
Recensioni

75 DOLLAR BILL

Wood/Metal/Plastic Pattern/Rhythm/Rock

(2017 - Tak:til / Glitterbeat)
Il ritorno di Rick Brown in un affascinante esercizio di stile e improvvisazione

75 Dollar Bill on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.