Death Cab For Cutie

The Blue Ep

2019 (WEA International) | indie-rock

La patina classicheggiante che ormai da tempo ammanta le uscite dei Death Cab For Cutie non è la negazione di quell'ardore giovanile che trasudava dalle prime opere della band americana, ma ne rappresenta anzi, in qualche modo, la naturale prosecuzione. È piuttosto una forma di resistenza al passare dell'età post-adolescenziale, a quel mutamento di stile e di punti di vista che in questo caso si adatta così bene all'avvicendarsi dei decenni (gli esaltanti anni Zero e i mediocri anni Dieci in dirittura d'arrivo), e a ciò che la vita riserva, come la fine di relazioni con attrici famose o l'abbandono della nave da parte di una delle colonne su cui poggiava il progetto, Chris Walla. Una lunga “media età” fatta di addii e ripartenze nella quale Ben Gibbard sembra però ormai trovarsi a meraviglia, con una rinnovata fiducia nel suo essere artista.

Prova ne sono le cinque canzoni che vanno a comporre “The Blue Ep”, un breve repertorio ancora più a fuoco e interessante, a ben vedere, di quello offerto un anno fa con un quasi sperimentale, per certi versi, “Thank You For Today” - di cui curiosamente alcuni brani sono degli outtake. Si respira un clima più sereno, una voglia di tornare a cesellare quelle melodie profonde, capaci di scavare nell'animo umano, che sono il marchio di fabbrica del combo di Bellingham.

Più che dell'indie-rock inquieto di “Kids in '99”, possiamo beneficiare della lettera aperta di “Man In Blue”, che tocca nuovi abissi di introspezione, dei moti chiaroscurali di “Before The Bombs” e di una “To The Ground” che procede a fari spenti fino a schiudersi in quelle aperture melodiche e in quei climax strumentali su cui i Death Cab hanno costruito una fortunata carriera. La ballata arriva in fondo alla scaletta con “Blue Bloods”, l'emblema di come si possa essere classici, appunto, senza scadere nella banalità.

(20/12/2019)

  • Tracklist
  1. To The Ground
  2. Kids in '99
  3. Man In Blue
  4. Before The Bombs
  5. Blue Bloods
Death Cab For Cutie su OndaRock
Recensioni

DEATH CAB FOR CUTIE

The Georgia Ep

(2021 - Atlantic / WEA International)
Gibbard si cimenta in cinque cover per festeggiare la fine dell'era-Trump

DEATH CAB FOR CUTIE

Thank You For Today

(2018 - Atlantic)
Il rassicurante ritorno di Ben Gibbard, sospeso tra vecchie e nuove forme-canzoni

DEATH CAB FOR CUTIE

Kintsugi

(2015 - Atlantic)
Ben Gibbard e soci tornano in pista dopo il mezzo passo falso di “Codes And Keys”

DEATH CAB FOR CUTIE

Codes And Keys

(2011 - Atlantic)
Alan Moulder affianca la band di Seattle nel suo lavoro più commerciale

DEATH CAB FOR CUTIE

Narrow Stairs

(2008 - Atlantic)
Una delicata opera in chiaroscuro dopo il successo di "Plans"

DEATH CAB FOR CUTIE

Plans

(2005 - Atlantic)

DEATH CAB FOR CUTIE

Transatlanticism

(2003 - Barsuk)
Il grande affresco sulla perdita dell'innocenza firmato Gibbard-Walla, monumento dell'indie-rock degli ..

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.