Kontravoid

Too Deep

2019 (Fleisch) | ebm, synth, coldwave

Kontravoid è il progetto synth-pop/Ebm di Cameron Findlay, ex-polistrumentista della band canadese electro-pop Parallels. Nato nel 2011, il programma vedeva suoni più propriamente new wave nei suoi primi lavori, per quanto con una vena decisamente malinconica e oscura, rimandando in maniera netta agli anni 80. Ecco quindi lavori come l'Ep indipendente "Native State" e il primo full-length omonimo del 2012, pubblicato dalla Tarantula X Records, caratterizzati da arierarefatte e synth pulsanti ed evocativi.

Dopo una pausa di diversi anni, duranti i quali sembrava che il progetto si fosse fermato, il Nostro torna nel 2017 con il brano “So It Seems”, contenuto nella compilation “Self-Aware II” della X-IMG, ovvero l'etichetta dell'artista techno/Ebm Sarin, aka Emad Dabiri. Un pezzo che mostra una ritmica più nervosa, in linea con l'attuale scena tedesca, con elementi Ebm militanti e secchi, e atmosfere paranoiche e distorte. La linea qui adottata viene confermata dall'Ep “Undone”, pubblicato per la Fleisch Records, dove compare anche un remix dei Schwefelgelb, duo tedesco dalla storia e dall'evoluzione molto simili al nostro, ovvero passati dal synth-pop a un più robusto suono Ebm in linea con i tempi. 

Stabilite quindi nuove alleanze e militanze, non sorprende l'arrivo di un secondo album chiamato “Too Deep”, sempre per la sopracitata etichetta tedesca curata da Zoe Zanias (Linea Aspera, Keluar, Zanias); caratterizzato da ritmiche possibilmente ancora più frenetiche e soluzioni perfette per la pista, esso sembra dare forma completa al nuovo stile dell'artista. Si prenda ad esempio i due singoli contenuti nel lato A del vinile: “Turn Away” è un vortice fatto di kick dal sapore metallico e bass-line taglienti, terreno per la voce, ora più dittatoriale che malinconica, di Findlay, dove le tracce del retaggio più synth-pop sopravvivono nel ritornello e nei cori femminili, mentre la title track gioca con melodie minimali e passaggi dai beat pulsanti, completando il tutto con un motivo che rimane in testa e che più si avvicina alla new wave, pur mantenendo le asperità ora acquisite.

Ma “Too Deep” non è assolutamente solo i suoi, pur ottimi, singoli; altre tracce che colpiscono duro sono l'iniziale “Open The Wound”, con i suoi esperimenti distorti e acidi, quasi sul versante rhythmic noise, e le sue atmosfere ansiogene e malevole, e l'evocativa “Distress”, con i suoi climi dark più distesi, ma non meno ossessivi nelle ritmiche a 4/4.
Infine, il lato più leggero e dal gusto new wave del Nostro si ripropone nella gustosa “Never Alone”, dai giri di basso molto post-punk e dal doppio cantato con ospite Kat Duma, un brano più “ottimista” e pacato; mentre la conclusiva “10,000 Voices” ci sorprende con tratti da colonna sonora, tra drum machine marcianti e cori angelici. 

Kontravoid si conferma come uno degli artisti d'oltreoceano che ha trovato un nuovo imprint nella scena berlinese, riuscendo a fare suoi certi suoni marcatamente Ebm e a integrarli nel suo precedente repertorio, ottenendo così un'evoluzione che però non snatura del tutto la sua essenza, confermata dalla presenza di belle melodie di synth e da episodi dove si dà spazio a strutture più delicate e leggere. L'unione di brani più energici e possenti con altri più evocativi permette un album vario dove permane un songwriting convincente; una prova dunque superata che fa sperare in tempi più brevi per le prossime uscite.

(02/10/2019)



  • Tracklist
  1. Open the Wound
  2. Turn Away
  3. So It Seems (Version 2)
  4. Too Deep
  5. Never Alone
  6. Cost Of Life
  7. Distress
  8. 10,000 Voices


Kontravoid on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.