Matthew Milia

Alone At St. Hugo

2019 (Sitcom Universe) | power-americana

Davvero un piacevole ritorno quello di Matthew Milia, storico frontman dei Frontier Ruckus, forse ormai disgregatosi dopo l’inizio dell’avventura solista di Anna Burch, ma vivo come non mai nel per niente rinunciatario “Alone At St. Hugo”, forse l’album meglio arrangiato della carriera di Matthew, considerando anche che è stato eseguito da due sole persone: quest’ultimo e l’amico Ben Collins.
Ma non sono solo gli arrangiamenti, orchestrati con un’ovviamente accresciuta esperienza, ma comunque senza scorciatoie: il secondo album solista dell’eterno ragazzo del Michigan è in generale un lavoro di grande ispirazione. Pur mancando di brani dalla melodia universale, il materiale è sufficiente a giustificare, per esempio, le grandiosi escursioni chitarristiche di “Karen’s Just A Kid”.

Tutti i brani hanno il tipico incedere colloquiale e sghembo, con il continuo ricorso ad accordi agrodolci, Beatles-iani, delle canzoni di Milia, ma spicca qui una concisione, per esempio nel pop-rock di “Why Is It?”, che pare derivare da una sorta di accettazione di sé e dal conseguente esaurimento dell’ansia esistenziale della “prima” vita da artista di Matthew. In questo, il disco ricorda parecchio l’atmosfera rilassata e giocosa di ormai attempate esperienze Tweedy-iane come gli Uncle Tupelo o i Golden Smog, o dei Jayhawks.
Forse non era ancora stata nella sua faretra una freccia come il refrain appiccicoso di “Stay Alive At The Same Time”, e un power-pop frizzante come quello di “Abruptly Old And Caffeinated” probabilmente non gli era ancora riuscito.

Se l’immaginario di riferimento della musica di Matthew è, come i suoi fan sanno bene, quello della situation comedy, “Alone At St. Hugo” è il manifesto perfetto, nella sua rara capacità di raccontare qualcosa della vita e di sé con leggerezza (eccezionale anche la scrittura delle impressioni mnemoniche di “Sometimes I Feel Like My Arm’s Falling Off”).
Ormai si può dire che siamo di fronte a un artista che, pur in un relativo anonimato, ha lasciato un’impronta rilevante e riconoscibile nell’Americana contemporaneo.

(24/05/2019)



  • Tracklist
  1. Alive at the Same Time
  2. Puncture
  3. Congratulations Honey
  4. Sometimes I Feel Like My Arm's Falling Off
  5. Attention Student
  6. Swollen Home
  7. Schemer Abruptly
  8. Old and Caffeinated
  9. Why Is It?
  10. Karen's Just a Kid
Frontier Ruckus su OndaRock
Recensioni

FRONTIER RUCKUS

Enter The Kingdom

(2017 - Sitcom Universe / Loose Music)
Quinto Lp per la band folk-rock di Detroit, con un suono più raccolto

FRONTIER RUCKUS

Sitcom Afterlife

(2014 - Quite Scientific)
Gli anni 90 del power-pop solleticano la fantasia di Matthew Milia

FRONTIER RUCKUS

Eternity Of Dimming

(2013 - Quite Scientific / Loose)
La band di Matthew Milia si propone come erede degli Okkervil River

News
Live Report
Matthew Milia on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.