John Foxx And The Maths

Howl

2020 (Metamatic) | electronic, post-punk

Ci sono mai stati dubbi che, prima o poi, John Foxx avrebbe finito per guardarsi indietro? Sì. E infatti anche quando arriva il momento della nostalgia, Foxx la affronta alla sua maniera. Sparigliando le carte. Eppure l'idea di base non deve essere stata troppo distante da quella di tornare a guardare a quella stagione d'oro dove il nostro John è stato un pioniere. Recuperare la "forma canzone", riprendere a bordo Robin Simon alle chitarre, per quella che è la cosa più vicina a una reunion degli Ultravox che sia mai stata fatta all'interno del progetto The Maths. Il desiderio di risentire di nuovo quel brivido, quella tensione verso qualcosa di distante, di lontano, questa volta persino congelato nel proprio passato. Forse erano anche maturi i tempi, perché The Maths portasse a concretizzazione un percorso.
Rimane il fatto che Foxx questo disco lo vuole e da tempo gli girava intorno. E allora, via con otto pezzi che vibrano di quell'epoca futurista e romantica ad ogni passaggio.

Ma, appunto, Foxx non è tipo da revival fine a se stesso e ricopre l'intero sound di una coltre meccanica basculante. Un suono lontano, processato. Un'eco dispersa nello spazio profondo, la ricezione di una navetta spaziale che comunica nei pressi di un Buco Nero.
E dallo spazio profondo sembra salutare anche il Maggiore Tom, che si unisce al party: le chitarre di "Howl" sembrano uscite da "Scary Monsters". Lo stesso Foxx interpreta spesso in posizioni molto vicine a quelle di David Bowie. Clamorosa , in particolare, l'interpretazione di "Strange Beauty", a chiudere il disco, quasi come a voler, finalmente, gettare la maschera.
Ci sono le ballate sintetiche: l'eroica "Everything Is Happening At The Same Time", e la crepuscolare "The Dance".
C'è persino il momento in cui si sfiorano intenzioni gotiche con "Tarzan And Jane Regained", sostenuta per tutto il pezzo dalla chitarra "malata" di Robin Simon, vorticosa e quasi debitrice dei Sisters Of Mercy. Foxx qui si avvicina addirittura a un indimenticabile interprete del goth americano come Rozz Williams.
Il futurismo disturbato di "My Ghost" e l'incedere ombroso di "New York Times", completano un disco sorprendente.

I contributi dei fidati Benge e Hannah Peel, non mancano nemmeno questa volta, e, probabilmente, il primo è il principale responsabile del sound caratterizzante dell'album, che, finirà per portare gli ascoltatori a una posizione radicale in un senso o nell'altro. Ma è altrettanto importante far notare che, oltre a Benge, i pezzi sono firmati dallo stesso Foxx e da Simon, totalmente coinvolto anche in fase di scrittura.
Questo è il modo di Mister Foxx di guardarsi indietro, il suo modo di fare i conti con la nostalgia. Recuperare quello spirito futurista e non tradirlo, proiettandolo in un disco che pare arrivare davvero dal passato, ma ripresentatosi nel 2020, come un "ululato" filtrato attraverso qualche strano portale temporale che si affaccia da qualche parte, lassù, nello spazio profondo.

(12/09/2020)



  • Tracklist
  1. My Ghost
  2. Howl
  3. Everything Is Happening At The Same Time
  4. Tarzan And Jane Regained
  5. The Dance
  6. New York Times
  7. Last Time I Saw You
  8. Strange Beauty


John Foxx + Jori Hulkkonen su OndaRock
Recensioni

JOHN FOXX + JORI HULKKONEN

European Splendour

(2013 - Sugarcane)
Quattro brani a doppia firma per John Foxx e il suo potenziale discepolo prediletto

JOHN FOXX AND BELBURY CIRCLE

Empty Avenues

(2013 - Ghost Box)
A un mese dal duetto con Hulkkonen, Foxx firma il primo Ep dei Belbury Circle

JOHN FOXX AND THE MATHS

Evidence

(2012 - Metamatic)
Un altro colpo riuscito per uno dei maestri della new wave

JOHN FOXX AND THE MATHS

The Shape Of Things

(2011 - Metamatic)
Ripeschiamo il secondo, lungimirante capitolo della collaborazione tra il padre del synth-pop e il guru ..

JOHN FOXX AND THE MATHS

Interplay

(2011 - Metamatic)
Il leggendario fondatore degli Ultravox alle prese con un nuovo progetto techno-metropolitano

JOHN FOXX & LOUIS GORDON

From Trash

(2006 - Metamatic Records)
Il pop tecnopolita dell'ex leader degli Ultravox!

JOHN FOXX

Metamatic

(1980 - Virgin)
Abbandonati i suoi Ultravox, Foxx partorisce uno dei capolavori dell'intero movimento synth-pop

Live Report
John Foxx And The Maths on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.