Burial

Chemz / Dolphinz

2021 (Hyperdub) | dubstep

Ormai bisogna “solo” rassegnarsi. Sono tredici anni che William Bevan non tira fuori un Lp. La formula a lui più cara, tra l’altro, è ancora una volta a due tracce: "Chemz/ Dolphinz". Il talento per antonomasia della Hyperdub, insomma, proprio non vuole saperne e continua a centellinare le sue produzioni. E lo fa dividendosi tra momenti altissimi e altri di grande incertezza.

“Chemz” è infatti un movimento ricco di torsioni in scia garage, inserti neo-soul, sample confezionati con inedito brio, a differenza delle uscite più recenti, votate perlopiù a una drammaticità di fondo e al solito nichilismo in salsa dubstep, marchio di fabbrica collaudato del musicista londinese fin dagli esordi.
Basterebbe sottolineare poi il cambio totale di ritmo intorno al sesto minuto, e quello ancora più frenetico verso il dodicesimo. Burial è scatenato. Si direbbe in versione "hardcore". Inoltre pesca, tra un'accelerazione e l'altra, qualsiasi cosa. Troviamo spezzoni di brani di Michael Jackson, Ne-Yo, Mary Elizabeth McGlynn, Freeez, Lori Ruso, Linda Ross, Eden Transmission. Tre capitoletti, dunque, a formare un unico grande primo atto che potrebbe rappresentare (si spera tanto) il futuro.

L’altra metà del piatto, occupata da “Dolphinz”, espone invece il climax tenebroso e ultra-malinconico che ben conosciamo. L'oscurità appagante che lo caratterizza. Nei primissimi istanti spuntano finanche suoni analogici alla stregua dei dimenticati Add N to (X) (per intenderci), messi in scena prima che un synth immacolato anticipi i soliti passi isolati misti per l’occasione a un’indecifrabile variazione di luci e ombre, sirene distorte, respiri affannati e rumori indefiniti. Senza girarci più di tanto: esattamente l’opposto di ciò che accade in precedenza.

Tirando le somme, Bevan continua a stupire nel (super)benissimo e nel “malino”. Non ce ne voglia, ma sarebbe anche giunto il momento del grande ritorno. I flash improvvisi cominciano a stancare e ad abbagliare spesso anche in maniera vagamente confusa.

(08/12/2021)

  • Tracklist
  1. Chemz
  2. Dolphinz
Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Antidawn Ep

(2022 - Hyperdub)
Il deludente ritorno del producer inglese, tra rumorismi, vapori assortiti e voci notturne

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News
Burial on web