Don't box me in

Van Der Graaf Generator

The Charisma Years 1970-1978

di Mattia Paneroni
Van Der Graaf Generator
"The Charisma Years 1970-1978"

(17Cd+3Blu-ray Virgin, 2021)

Pionieri musicali, compositori audaci e visionari, i Van Der Graaf Generator sono considerati, a ragione, tra i massimi esponenti del progressive rock. Nacquero durante la seconda metà degli anni Sessanta da un'idea di Peter Hammill, studente di scienze all'università di arti liberali di Manchester.

Le origini del gruppo possono essere già tracciate verso la fine del '67, quando Hammill, voce e chitarra, e l'amico Chris Judge Smith, voce, incominciarono a esibirsi dal vivo proponendo interpretazioni personali di standard blues e jazz. Scopertisi entrambi compositori, decisero presto di concentrarsi esclusivamente sul proprio materiale. Dopo pochi mesi furono raggiunti dall'organista Nick Pearne e, a questo punto, al trio mancò soltanto un nome con il quale presentarsi al pubblico. Dopo aver scartato idee bizzarre come "Shrieking Plasma Exudation" e "Zeiss Manifold", sopravvenne il moniker definitivo che li avrebbe consegnati alla storia: Van Der Graaf Generator, in omaggio al fisico, inventore e accademico statunitense Robert J. Van de Graaf, che ideò uno strumento per creare energia statica.
Tale line-up ebbe vita breve ma sufficiente per incidere un demo, realizzato rudimentalmente con l'impiego di amplificatori per chitarra ricavati da rumorosi elettrodomestici, e suonare dal vivo una sola volta all'Università di Manchester nel febbraio del '68. Lo stesso Hammill ricorda che, in quell'occasione, il trio fu cacciato dal palco a bottigliate da alcuni studenti di medicina.

Perso per strada Pearne, Hammill e Smith tornarono a esibirsi in duo. Dopo alcuni show in piccoli locali di Manchester, si unì a loro Hugh Banton, organista dotato e innovativo. Fu in quei mesi che Lou Reizner, direttore della Mercury Records di Londra, entrò in possesso di una copia del loro demo e, intuendone il potenziale, offrì un contratto alla band. Hammill, ancora molto giovane e ingenuo, firmò l'accordo senza nemmeno leggerne le clausole ed ebbe modo di pentirsene in poco tempo.
Il trio trascorse l'estate del '68 a comporre e provare nuovo materiale da immortalare in una sessione di registrazione ai Chappell Studios di Bond Street, a Londra, al fine di sottoporlo a Reizner. Questi non rimase impressionato dal lavoro svolto da Hammill, Smith e Banton e scartò la proposta.

I tre giovani musicisti decisero tuttavia di non arrendersi e, poco tempo dopo, scelsero addirittura di reclutare nuovi elementi e affidarsi a un vero e proprio manager (Tony Stratton-Smith). A Hammill, Smith e Banton si aggiunsero Keith Ellis al basso e Guy Evans alla batteria. Il quintetto diede alle stampe il primo 45, "People You Were Going To/Firebrand" (1969), distribuito negli Stati Uniti da Tetragrammaton e nel Regno Unito da Polydor. Il singolo fu tuttavia ritirato dal commercio nel giro di pochi giorni, in quanto la pubblicazione con tali etichette violava l'accordo siglato in precedenza con Mercury. Nel frattempo Smith presentò le dimissioni. Nonostante tutto, la band acquisì un discreto seguito grazie alle numerose esibizioni all'interno del circuito universitario britannico, molte delle quali in supporto a celebri formazioni come Pink Floyd e Moody Blues. John Peel si accorse di loro e li invitò a una sessione di registrazione per la prestigiosa trasmissione Top Gear. Gli scarsi guadagni, il disamoramento per lo show business, unitamente al furto del van e della strumentazione subìto a Londra, spinsero però il gruppo a sciogliersi ufficialmente il 10 maggio 1969, dopo un'apparizione al Pop and Blues Festival di Nottingham.

Hammill si esibì dal vivo in un paio di occasioni, prima di recarsi ai Trident Studios di Londra per incidere un nuovo set di canzoni inedite. Con il supporto di Banton, Ellis e Evans prese forma quello che sarebbe diventato il primo Lp dei Van Der Graaf Generator, "The Aerosol Grey Machine" (1969), assente dal cofanetto di cui parleremo a breve. L'album, non particolarmente brillante, sarebbe dovuto uscire a nome del solo Hammill, ma Stratton-Smith riuscì a raggiungere un accordo con Mercury in base al quale l'etichetta avrebbe svincolato il leader dagli accordi pregressi se il nuovo lavoro fosse stato pubblicato a nome dell'intera band.
La sigla Van Der Graaf Generator fu dunque ripristinata appena prima che l'album d'esordio venisse pubblicato in America (per ragioni discografiche fu distribuito nel Regno Unito soltanto negli anni Settanta). Keith Ellis fu sostituito al basso da Nic Potter e al gruppo si aggiunse David Jackson (cantante, sassofonista e flautista): fu questa la formazione definitiva che venne scritturata dall'etichetta Charisma e che diede origine allo straordinario opus contenuto nel presente box.

"The Charisma Years 1970-1978", pubblicato il 3 settembre 2021, contiene ben 17 cd e 3 Blu-ray contemplanti il lavoro svolto tra il dicembre 1969 e il luglio 1978. Annovera versioni rimasterizzate apposta per l'occasione di "The Least We Can Do Is Wave To Each Other" (1970), "H To He Who Am The Only One" (1970), "Pawn Hearts" (1971), "Godbluff" (1975), "Still Life" (1976), "World Record" (1976), "The Quiet Zone/The Pleasure Dome" (1977) e del doppio live "Vital" (1978), così come il concerto inedito di Parigi del 1976, tutte le Bbc Sessions registrate tra il 1970 e il 1977 e un numero considerevole di studio outtake. In aggiunta a tutto ciò, troviamo i nuovi mix stereo e 5.1 Surround Sound eseguiti da Stephen W. Tayler di "H To He Who Am The Only One", "Pawn Hearts", "Godbluff" e "Still Life", tutte le partecipazioni televisive a programmi quali "Beat Club" (1970, Germania), "Pop Deux" (1972, Francia), "Pop Shop" (1972, Belgio), "Godbluff Live" (1975, Belgio), "The Kohfidisch Open Air Festival" (1978, Austria) e, infine, i filmati promozionali di "Wandering" e "Cat's Eye (Yellow Fever)". A corredo di tutto questo ben di Dio, un intenso libro di circa 70 pagine con il dettaglio dei contenuti dei venti dischi, un'esaustiva storia della band e del suo lavoro vergata da Mark Powell, con interessanti citazioni dei musicisti coinvolti e decine di foto inedite.

In chiosa al libro, Peter Hammill dà la migliore definizione della propria attitudine: "I think our music has stood the test of time because we always made the music we were driven to make, without paying any attention to what anyone else was doing. We certainly didn't write music with an eye on what might or might not be successful, even though this was a recipe for absolute commercial disaster. We were lucky to have maintained such a loyal audience. Everything we have ever done has been true and loyal to some bizarre Van der Graaf ethos. That's the key to our longevity in my opinion". ("Penso che la nostra musica abbia resistito alla prova del tempo perché l'abbiamo sempre composta guidati dalle nostre intenzioni, senza prestare attenzione a cosa stesse facendo chiunque altro. Sicuramente non abbiamo scritto musica pensando che avrebbe potuto riscuotere più o meno successo, anche in presenza della ricetta di un assoluto disastro commerciale. Siamo stati fortunati ad aver mantenuto un pubblico così devoto. Qualsiasi cosa abbiamo fatto è stata autentica e fedele all'etica bizzarra dei Van der Graaf. Questa è stata la chiave della nostra longevità, secondo me"). È effettivamente stata questa la cifra di una formazione che, da oltre cinquant'anni, si è sempre distinta per grande creatività e coerenza, componendo musica che andasse oltre qualsiasi confine temporale e di genere. Basti pensare all'eterogeneità di artisti che, nel tempo, hanno mostrato amore e rispetto per il gruppo. John Lydon (Sex Pistols), Marc Almond (Soft Cell), Mark E. Smith (The Fall) e Bruce Dickinson (Iron Maiden) sono tra questi.

Benché il prezzo non sia certo popolare (poco meno di €130,00 su Amazon), "The Charisma Years 1970-1978" rappresenta senz'altro una delle uscite discografiche più rilevanti dell'anno e l'acquisto è consigliato tanto al fan quanto al neofita: godere dei remaster, dei nuovi mix, dei video e perdersi nell'avvincente lettura del libro sarà un'esperienza che ripagherà chiunque dell'oneroso esborso. Una tirata d'orecchie a Virgin, invece, per gli involucri in cartone fragili e inadeguati in cui sono stati inseriti i cd. Sarebbe stato opportuno valutare opzioni all'altezza dei contenuti.

(27 novembre 2021)
Playlist


Indice dei contenuti:

Cd 1: The Least We Can Do Is Wave to Each Other
1. Darkness (11/11)
2. Refugees
3. White Hammer
4. Whatever Would Robert Have Said?
5. Out of My Book
6. After the Flood
Bonus Tracks
7. Refugees (single version) – A-side April 1970
8. Boat of Millions of Years – B-side April 1970
9. Darkness (BBC Radio ‘Top Gear’ session 20 Jan 1970)
10. After the Flood (BBC Radio ‘Top Gear’ session 20 Jan 1970)

Cd 2: “H To He Who Am The Only One”

11. Killer
12. House with No Door
13. The Emperor in His War Room
14. Lost
15. Pioneers Over C
Bonus Tracks
16. Killer (first version) – Previously unreleased – Recorded at Trident Studios in July 1970
17. The Emperor in His War Room (first version) – Recorded at Trident Studios in July 1970
18. Lost (BBC Radio ‘Top Gear’ session 12 Oct 1970) – previously unreleased
19. Killer (BBC Radio ‘Top Gear’ session 12 Oct 1970) – previously unreleased

Cd 3: Pawn Hearts
20. Lemmings (including Cog)
21. Man Erg
22. A Plague of Lighthouse Keepers:
a) Eyewitness b) Pictures / Lighthouse c) Eyewitness d) SHM e) Presence of the Night f) Kosmos Tours g) (Custard’s) Last Stand h) The Clot Thickens i) Land’s End (Sineline) j) We Go now
Bonus Tracks
23. Man Erg (BBC Radio One Sounds of the Seventies session – 10 June 1971)
24. Theme One (BBC Radio One Sounds of the Seventies session – 10 June 1971)
25. Vision (BBC Radio One Sounds of the Seventies session – 10 June 1971)
26. Darkness (BBC Radio One Sounds of the Seventies session – 10 June 1971)

Cd 4
27. Theme One (A-side of single Feb 1972)
28. W (B-side of single Feb 1972)
29. Squid / Octopus (from Pawn Heart sessions)
30. Angle of Incidents (from Pawn Heart sessions)
31. Ponker’s Theme (from Pawn Heart sessions)
32. Dimunitions (from Pawn Heart sessions)
33. W (first version) (from Pawn Heart sessions)
34. Theme One (original mix) (from Pawn Heart sessions)
35. Man Erg (BBC Radio One John Peel Concert 23 Sep 1971)
36. W (BBC Radio One John Peel Concert 23 Sep 1971)
37. Killer (BBC Radio One John Peel Concert 23 Sep 1971)
38. Refugees (BBC Radio One John Peel Concert 14 Dec 1971)

Cd 5: Godbluff
39. The Undercover Man
40. Scorched Earth
41. Arrow
42. The Sleepwalkers
Bonus Tracks
43. Scorched Earth (BBC Radio One John Peel session – 3 July 1975)
44. The Sleepwalkers (BBC Radio One John Peel session – 3 July 1975)

Cd 6: Live in Rimini 9th August 1975
45. A Louse is Not a Home
46. (In the) Black Room / The Tower
47. Forsaken Gardens
48. Lemmings
49. Scorched Earth
50. Man-Erg

Cd 7: Still Life
51. Pilgrims
52. Still Life
53. La Rossa
54. My Room (Waiting for Wonderland)
55. Childlike Faith in Childhood’s End
Bonus Tracks
56. Gog (live) – Recorded at the Theatr Gwynedd, Bangor, Wales 10 May 1975
57. Still Life (BBC Radio One John Peel session – 1 April 1976)
58. La Rossa (BBC Radio One John Peel session – 1 April 1976)

Cd 8: World Record

59. When She Comes
60. A Place to Survive
61. Masks
62. Meurglys III (The Songwriters Guild)
63. Wondering
Bonus Tracks:
64. When She Comes (BBC Radio One John Peel session – 11 November 1976)
65. Masks (BBC Radio One John Peel session – 11 November 1976)
66. Part One (Approx. 35% of) Meurglys III (The Songwriters Guild) – B-side of single Oct 1976 – Previously unreleased on cd

Cd 9: Live at Maison de la Mutualite, Paris (6 Dec 1976 – previously unreleased)

67. Arrow
68. When She Comes
69. Masks
70. Still Life
71. Lemmings
72. Childlike Faith in Childhood’s End

Cd 10: Cd 9: Live at Maison de la Mutualite, Paris (6 Dec 1976 – previously unreleased)

73. Meurglys III (The Songwriter’s Guild)
74. Gog
75. Sleepwalkers
76. Killer
77. Man-Erg

Cd 11: The Quiet Zone / The Pleasure Dome
78. Lizard Play
79. The Habit of the Broken Heart
80. The Siren Song
81. Last Frame
82. The Wave
83. Cat’s Eye / Yellow Fever (Running)
84. The Sphinx in the Face
85. Chemical World
86. The Sphinx Returns
Bonus Tracks
87. Door
88. Ship of Fools (B-side of French single from Sep 1977)
89. The Wave (demo version)
90. Cat’s Eye / Yellow Fever (BBC Radio One John Peel session – 24 October 1977)
91. The Sphinx in the Face (BBC Radio One John Peel session – 24 October 1977)
92. (Fragments of) A Plague of Lighthouse Keepers / Sleepwalker’s End (BBC Radio One John Peel session – 24 October 1977)

Cd 12: Vital (live album)
93. Ship of Fools
94. Still Life
95. Last Frame
96. Mirror Images
97. Medley: A Plague of Lighthouse Keepers / Sleepwalkers

Cd 13: Vital (live album)
98. Pioneers Over C
99. Sci-Finance
100. Door
101. Urban / Killer / Urban
102. Nadir’s Big Chance

Cd 14: H To He Who Am The Only One (New stereo mix)
103. Killer
104. House with No Door
105. The Emperor in His War Room
106. Lost
107. Pioneers Over C

Cd 15: Pawn Hearts (New stereo mix)
108. Lemmings (including Cog)
109. Man Erg
110. A Plague of Lighthouse Keepers:
a) Eyewitness b) Pictures / Lighthouse c) Eyewitness d) SHM e) Presence of the Night f) Kosmos Tours g) (Custard’s) Last Stand h) The Clot Thickens i) Land’s End (Sineline) j) We Go now
Bonus Tracks
111. Theme One (new stereo mix)
112. W (new stereo mix)

Cd 16: Godbluff (New stereo mix)
113. The Undercover Man
114. Scorched Earth
115. Arrow
116. The Sleepwalkers

Cd 17: Still Life (New stereo mix)
117. Pilgrims
118. Still Life
119. La Rossa
120. My Room (Waiting for Wonderland)
121. Childlike Faith in Childhood’s End

Blu-ray #1: “H To He Who Am The Only One” e “Pawn Hearts” (entrambi gli album mixati in alta risoluzione 5.1 Surround Souns/nuovo mix stereo/mix stereo originale)

H To He Who Am the Only One
122. Killer
123. House with No Door
124. The Emperor in His War Room
125. Lost
126. Pioneers Over C

Pawn Hearts
127. Lemmings (including Cog)
128. Man Erg
129. A Plague of Lighthouse Keepers:
a) Eyewitness b) Pictures / Lighthouse c) Eyewitness d) SHM e) Presence of the Night f) Kosmos Tours g) (Custard’s) Last Stand h) The Clot Thickens i) Land’s End (Sineline) j) We Go now

Blu-ray #2: ‘Godbluff’ e ‘Still Life’ (entrambi gli album mixati in alta risoluzione 5.1 Surround Souns/nuovo mix stereo/mix stereo originale)
Godbluff
130. The Undercover Man
131. Scorched Earth
132. Arrow
133. The Sleepwalkers

Still Life
134. Pilgrims
135. La Rossa
136. My Room (Waiting for Wonderland)
137. Childlike Faith in Childhood’s End

Blu-ray #3: The Video Vaults (multi-region)
138. Darkness (‘Beat Club’ – German TV 23 June 1970) – previously unreleased
139. Whatever Would Robert Have Said (‘Beat Club’ – German TV 23 June 1970) – previously unreleased
140. Lost (‘Pop Deux’ Filmed at The Bataclan Theatre, Paris 18 March 1972 – Previously unreleased)
141. Killer (‘Pop Deux’ Filmed at The Bataclan Theatre, Paris 18 March 1972 – Previously unreleased)
142. Octopus (‘Pop Deux’ Filmed at The Bataclan Theatre, Paris 18 March 1972 – Previously unreleased)
143. Theme One (‘Pop Shop’ Recorded 23 March 1972 for RTBF, Belgium) First official release
144. A Plague of Lighthouse Keepers (‘Pop Shop’ Recorded 23 March 1972 for RTBF, Belgium) First official release
145. The Undercover Man (Live in Charleroi Palais des Expos – 27 September 1975) First official release
146. Arrow (Live in Charleroi Palais des Expos – 27 September 1975) First official release
147. Scorched Earth (Live in Charleroi Palais des Expos – 27 September 1975) First official release
148. Sleepwalkers (Live in Charleroi Palais des Expos – 27 September 1975) First official release
149. Wondering (Charisma promotional film 1976) Previously unreleased
150. Cat’s Eye (Charisma promotional film) Previously unreleased
151. Van der Graaf in Concert (The Kohfidisch Open Air Festival, Austria 17 June 1978 recorded by ORF TV). Previously unreleased

Van Der Graaf Generator su OndaRock
Recensioni

VAN DER GRAAF GENERATOR

Do Not Disturb

(2016 - Esoteric Antenna)
Inizia a sentire il peso degli anni la storica prog-band di Peter Hammill

VAN DER GRAAF GENERATOR

ALT

(2012 - Esoteric)
Virata verso i lidi dell'avanguardia per una delle istituzioni del progressive

VAN DER GRAAF GENERATOR

A Grounding In Numbers

(2011 - Esoteric / Cherry Red)
Una delle band-cardine del progressive torna con un disco che non ha urgenze di contemporaneitÓ

VAN DER GRAAF GENERATOR

Trisector

(2008 - Virgin)
La storica progressive-band di Peter Hammill ricomincia da tre

VAN DER GRAAF GENERATOR

Pawn Hearts

(1971 - Charisma)
Il capolavoro dell'oscura creatura progressive-rock di Peter Hammill

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.