15/03/2007

Stranglers

Transilvania Live, Milano


di Marco Bercella
Stranglers
Che gli Stranglers fossero fior di musicisti non lo si doveva certo scoprire in occasione della loro esibizione milanese al Transilvania Live. La sorpresa, invece, è la voglia di divertirsi, e di divertire, che gli attempati giovanotti britannici tuttora conservano, alla faccia delle vicissitudini che li vedono interessati e, manco a dirlo, del tempo che scorre impietoso. Reduci dalla dipartita del frontman Paul Roberts, temporaneamente orfani del batterista Jet Black, costretto in patria per motivi di salute, i due reduci dalla line-up originale, Dave Greenfield e Jean-Jacques Burnel, serrano le fila e si confermano come i veri depositari del men in black sound. Greenfield e i suoi ossimorici virtuosismi di tastiera sintetica, Burnel e un basso incline alla cesellatura melodica che pur non abdica dal ruolo guida della sezione ritmica.

A loro modo unici. Unici e contagiosi, a giudicare dalla disinvoltura con cui il ventitreenne Ian Barnard clona il vecchio Jet alla batteria (ma Burnel, nel corso dell'intervista, ci svela in qualche modo l'arcano) e alla lodevole tenacia con cui il chitarrista Baz Warne si fa carico non già dell'onere, tutto sommato sostenibile, di fare le veci di Paul Roberts, ma di quello assai più arduo di prendere le parti di Hugh Cornwell, il cantante che degli strangolatori fu il padre fondatore e che nel 1990 lasciò la band. Questo perché il canzoniere affrontato on stage appartiene perlopiù ai tempi felici.

Un tourbillion di hit gloriose, solo in parte frammezzato da escursioni nell'odierno, più modesto repertorio: dall'irriverente "Peaches" alle smancerie pop Eighties di "Always The Sun", dai barocchismi color pastello di "Golden Brown" alla cavalcata romantica di "Duchess". E fra energici tributi al Bacharach di "Walk On By" e ai Kinks di "All Day And All Of The Night", ancora il reggae punk ante litteram "Nice 'n' Sleazy", la beffarda "Hanging Around", i tardivi struggimenti di "North Winds Blowing" e, manco a dirlo, l'inno "No More Heroes" a congedo. Esecuzioni impeccabili tutte figlie della passione, come a dirci che la classe vuole spesso abiti scuri. E questa sera non ha fatto eccezioni. 
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.