Bruce Springsteen

The Rising

2002 (Sony) | rock

di Gabriele Guerra - Backstreets
"The Rising" segna l'atteso ritorno di Bruce Springsteen e la E streets band. L'apporto della più esplosiva r'n'roll band degli ultimi 30 anni è alterno, c'è più Springsteen, la sua voce non urla più per tutto lo scorrere del disco, ora riesce a dominarla, ma il tutto, devo dire, con sorpresa, suona e suona alla grande. L'album è pervaso da memorie e flash del disastro dell'11 settembre, tutto sembra rievocare e ricordare continuamente quel giorno, le storie, anche quelle d'amore, hanno come sfondo qualche pennacchio di fumo che si alza verso il cielo all'orizzonte, un giorno che ha cambiato la vita di tanti ma soprattutto, sembra, quella del boss.

L'inizio promette bene, "Lonesome day" sembra avere la carica giusta, l'impatto ricorda "The Ties That Bind"... non male. "In to the fire" fa parte della "nuova vena compositiva" (vedi "Tunnel of love") ma funziona. Qua e là come in "Waitin'on a sunny day" cominciano ad emergere i riverberi del passato splendore e soprattutto The Big Man torna a far assaggiare il suo sax in compagnia di un inatteso ma graditissimo violino. La nuova vena melodica si materializza in una "Nothing Man" senza infamia e senza lode che si dimentica subito grazie alla grande "Countin' on a miracle", portatrice sana di quel suono che abbiamo nel cuore e comprensiva di un breve di assolo di chitarra. "Empty Sky" gioca su un bel giro armonico di chitarre acustiche, sobria e sapida con un gradito ritorno: l'armonica. Qualche cosa di nuovo nelle sonorità lo si può respirare nell'incipit di "Worlds Apart", che auspica un avvicinamento dei mondi lontani, quello islamico e quello statunitense, attraverso l'amore: grande canzone, grande assolo di chitarra.

La produzione è eccelsa, bei suoni, belli gli arrangiamenti, i cori e le costruzioni delle song come nella deliziosa "Let's be friends (skin to skin)", dove ritorna il caldo suono del sax di Big Man. I suoni familiari li ritroviamo in "Further on up the road", una sapida rock-song che vede il trionfo di Max Weimberg e Danny Federici, ma soprattutto dell'antico fulgore. Springsteen è ancora in grado di graffiare come in "The fuse", una ballad intensa ed evocativa (11 settembre docet), di gran lunga il brano migliore dell'album. "You're missing" non aggiunge niente, ma si lascia ascoltare, mentre le dolenti note arrivano con il singolo "The rising", una canzone nella media, nata per essere singolo, per dirla alla Bruce... born to sale! "Paradise", invece, è la canzone che farà più discutere: racconta lo stato d'animo di un terrorista prima di un attentato, non una condanna ma un racconto alla Ludlum, che lascia aperte molte vie di interpretazione, lenta, meditativa e coinvolgente. L'album si chiude con "My city of ruins", un brano che Springsteen teneva nel cassetto da tempo e che ha estratto a sorpresa dopo le Twin Towers e che ora ha trovato, non a caso, la sua giusta collocazione al termine dell'album. Un pezzo che odora ancora di '70.

Vista l'importanza dei testi, la Columbia ha saggiamente incluso nell'edizione italiana il booklet con le traduzioni, grazie al quale si riesce ad immedesimarsi davvero pienamente all'interno di questo album che, alla fine dei conti, si rivela equilibrato: c'è un po' di vecchio ed un pizzico di nuovo, in un buon equilibrio musicale che potrebbe rendere "The rising" il disco della rinascita di Springsteen. Un disco che racconta degli Stati Uniti, ponendo l'11 settembre come un momento indelebile della memoria collettiva. Tutto il disco sembra avvolto dal fumo di quel giorno ma, non è autocommiserante e soprattutto, non accusa e non assolve nessuno, prende atto di una situazione di fatto dalla quale tutti dobbiamo andare avanti e risorgere.

(07/11/2006)

  • Tracklist

1. Lonesome Day
2. Into the Fire
3. Waitin' on a Sunny Day
4. Nothing Man
5. Countin' on a Miracle
6. Empty Sky
7. Worlds Apart
8. Let's Be Friends
9. Further on (Up the Road)
10. The Fuse
11. Mary's Place
12. You're Missing
13. The Rising
14. Paradise
15. My City of Ruins

Bruce Springsteen su OndaRock
Recensioni

BRUCE SPRINGSTEEN

The Ties That Bind: The River Collection 1980-2015

(2015 - Columbia)
In coincidenza col Natale, un gradito regalo da parte del Boss

BRUCE SPRINGSTEEN

High Hopes

(2014 - Columbia)
Springsteen si affida alla chitarra di Tom Morello per rivisitare un pugno di brani recuperati dagli ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Wrecking Ball

(2012 - Columbia)
Il sogno americano al tempo della crisi, in un disco carico di rabbia e di speranza

BRUCE SPRINGSTEEN

The Promise

(2010 - Columbia)
Dagli archivi springsteeniani, il "disco perduto" delle session di "Darkness On The Edge ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Working On A Dream

(2009 - Columbia)

Un juke-box di sogni in chiave pop per l’era Obama

BRUCE SPRINGSTEEN

Magic

(2007 - Sony Bmg)
L’annunciato ritorno del Boss con la consumata E-Street Band

BRUCE SPRINGSTEEN

Live In Dublin

(2007 - Columbia)
A metà tra marketing e live, un'altra uscita per Springsteen

BRUCE SPRINGSTEEN

Devils & Dust

(2005 - Columbia)

BRUCE SPRINGSTEEN

Nebraska

(1982 - Columbia)
Il disco che definisce la grandezza del Boss con un oscuro tour de force acustico

BRUCE SPRINGSTEEN

The River

(1980 - Columbia)
Un doppio album che suggella un periodo memorabile per il songwriter di Freehold, New Jersey

News
Live Report
Speciali

Bruce Springsteen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.