Shining

Grindstone

2007 (Rune Grammofon) | neo-progressive

Nel riuscire a sintetizzare tutte le influenze in un unico, piacevole calderone, "In the Kingdom of Kitsch You Will Be a Monster" era apparso, due anni or sono, come una bella prova di neo- progressive dalle tinte fusion. Un piccolo miracolo di equlibrio che oggi un po' rimpiangiamo accostandoci a un "Grindstone" (quarto disco per la compagine norvegese) che, nell'assorbire anche tinte metalliche e magniloquenza classicheggiante (si parla di Ligeti e Messiaen, ma tant'è), rompe lo specchio delle piccole meraviglie, facendo tanto rumore per nulla, o quantomeno senza farsi adeguatamente carico delle aspettative.

L'altalena tra momenti dirompenti e declinazioni cameristiche gioca ancora un ruolo preponderante, anche se il cocktail un po' indigesto lo è, nonostante le apparenze. Accanto agli Henry Cow meno torvi di "Moonchild Mindgames", troviamo, quindi, il carillon impercettibile di "To Be Proud Of Crystal Colours Is To Live Again", la miscellanea di umano e robotico della liturgia crepuscolare di "Psalm" (in un crescendo di drammatica epicità) e, ancora, gli anfratti tenebrosi di "1:4:9".
Quando, poi, le partiture si fanno più impervie, il rimando diretto al disco precedente avviene in modo poco plausibile, mischiando King Crimson e sinfonismo di ritorno ("In The Kingdom Of Kitsch You Will Be A Monster"). Un po' gratuiti appaiono pure gli allunghi perentori di "Winterreise", lasciata andare alla deriva in un mare magnum di solennità kolossal.

L'apparato metal sostenta e rinvigorisce una "Stalemate" che all'impeto panzer-division associa passaggi Birdsong Of The Mesozoic, in una frenesia strumentale che nel jazz-rock di "The Red Room" tira fuori pure battimano flamenco e fiati sboroni. E se, in "Asa Nisi Masa" sembrano fare il verso addirittura (ma mica tanto...) ai Voivod, il divampare è incontrollabile in "Fight Dusk With Dawn".
Insomma, uno di quei dischi che si ascoltano pure con piacere, ma, come dire?, con quei soldi me la spasso altrove.

(05/02/2007)

  • Tracklist

1. In The Kingdom Of Kitsch You Will Be A Monster
2. Winterreise
3. Stalemate
4. Longan Runner
5. To Be Proud Of Crystal Colours Is To Live Again
6. Moonchild Mindgames
7. The Red Room
8. Asa Nisi Masa
9. Psalm
10. 1:4:9
11. Fight Dusk With Dawn

Shining su OndaRock
Recensioni

SHINING

Blackjazz

(2010 - Indie Recordings)
Inclinazioni neo-progressive e paccottiglia metallica nel nuovo disco della band norvegse

Shining on web