Cannibal Movie

Mondo Music

2012 (Yerevan Tapes) | space rock, psy-trance

Una nuova avventura per la ditta Cannibal Movie.
I due negromanti “Ilvetici” Donato Epiro e Gaspare Sammartano si aggirano minacciosi per il rigoglioso sottobosco dell’underground italiano, annusando nell’aria i fetidi effluvi di marciume provenienti dalle canne fumarie dell’antiquata “Compagnia dell’Indie” (meglio, “Cooperativa”)
e scrutando l’ambiente circostante con le loro Super 8 spiritate.
Dopo un tour nazionale che si è protratto per tutta la scorsa primavera, e che ha registrato un elevato numero di vittime cadute sotto l’incantesimo fatale di “Avorio”, la Yerevan Tapes – interessante etichetta bolognese specializzata nella pubblicazione di nastri, sublabel dell'affermata Avant! – presenta “Mondo Music”, lavoro il cui titolo ossequia la sacra triade Cavara-Jacopetti-Prosperi, che con la sua opera congiunta “Mondo Cane”, risalente al 1962, ha creato il culto cinematografico denominato “Mondo Movie”.

Si tratta di due suite vomitate nell’arco di un pomeriggio. I mattatori sono ancora una volta l’organo processato di Epiro e la batteria di “Lemming”; unico co-protagonista è un singolo microfono panoramico, piazzato al centro della sala di registrazione. Nessuna comparsa.
La ricetta è grosso modo la stessa dell’acclamato esordio, ma a colpire è sia la durata estesa delle composizioni (quasi quattordici minuti ciascuna) che l’involontaria limatura del caratteristico sound del duo tarantino.
Già, perché per qualche oscura ragione, la stessa tecnica di registrazione utilizzata in precedenza, votata a un’estetica lo-fi tutt’altro che artefatta, stavolta ha generato un suono lievemente smussato, che appare quasi il frutto di un improbabile intervento di post-produzione.

Entrambi i brani della presente release guardano principalmente alla cultura mediorientale, come testimonia in maniera chiara la giovane donna immortalata in copertina, e si spingono verso atmosfere ancor più cinematografiche; in tutto ciò, la furia delle pelli percosse da Lemming e l’efferatezza con cui Epiro dà vita ai suoi deliri psych-impro-kosmische non risultano affatto sacrificate sull’altare del facile ascolto.
“Mondo Music (I)”, infatti, è un’impennata psichedelica in continuo divenire, in cui i droni mistici tessono una lunga tela, attraversata da riff organistici gagliardi e squarciata da piatti invasati; la seconda traccia, incentrata su un andamento conturbante e – addirittura – armonioso in alcuni passaggi, svela il lato meno truculento e più meditativo della sanguinaria creatura bicefala.
Le soluzioni tendenti a una forma acida di tribal-funk, adottate in particolar modo nell’ultima metà di “Mondo Music (II)”, diventano espressione di quella versatilità compositiva che spazia con un ineccepibile senso dell’orientamento tra i vari generi musicali, e che è propria di un lavoro concepito esclusivamente attraverso l’arte dell’improvvisazione.

Nell’attesa di una nuova opera, che mostri le future direzioni verso cui remeranno i due traghettatori amanti dell’occulto, la parentesi “Mondo Music” si classifica come ulteriore “must have”, anche perché in tiratura limitata di sole cento copie.

(11/11/2012)



  • Tracklist
1.    Mondo Music (I)
2.    Mondo Music (II)

Cannibal Movie su OndaRock
Recensioni

CANNIBAL MOVIE

Avorio + Avorio Tour (ristampa)

(2012 - Sound Of Cobra, Avorio Dischi)
Un truculento safari musicale, tra zombie ed esotismo psichedelico

Cannibal Movie on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.