Giulio Aldinucci

Tarsia

2012 (Nomadic Kids Republic) | avantgarde, field recordings

Messo temporaneamente in soffitta il progetto Obsil, Giulio Aldinucci pone in copertina il suo nome di battesimo per una nuova uscita discografica. Sempre contraddistinta da una grazia inusitata, la musica del senese si colloca nei pressi di un'avanguardia sempre più peculiare e caratteristica. Devoto ai suoni dell'ambiente e della terra, l'artista concentra in questo album tutte le qualità dei suoi precedenti album a nome Obsil, con un tocco di personalità in più. Dopo aver cambiato varie etichette, il nostro approda alla mini-label Nomadic Kids Republic, piccola realtà creata e gestita da Ian Hawgood.

Con l'uso sapiente e misurato di field recording rurali ed essenziali, la natura primordiale della sua musica viene confermata già dal titolo, che - come spiegato dallo stesso autore in un'intervista radiofonica - è ispirato alla tecnica dell'intarsiatura. Nello stesso modo con cui centinaia di anni fa pazienti artigiani del legno usavano tale metodo per realizzare opere stupefacenti, Aldinucci in "Tarsia" sovrappone fini strati di suono per comporre la sua musica. Ed è una naturale conseguenza il fatto che tale termine, e ciò che evoca, sia il perfetto corollario per immergersi in un disco che trasuda autenticità e distensione. Suoni che vengono dall'aldilà donano pace interiore con metodi mai violenti, rivelando il lato gentile dell'avanguardia e dimostrando che la musica sperimentale può e deve essere godibile anche da orecchie non avvezze a tali melodie.

Le tracce, l'una fusa all'altra, compongono un unico bozzetto naturalistico vivido, semplice, dalla forza interiore che sfiora il mistico. Con il picco di ispirazione nell'immacolato procedere di “Pianura (con gli occhi di F.)", il compositore toscano approfondisce la sua personalità e mostra agli ascoltatori un mondo tutto suo, a cui si può accedere bussando, senza far rumore.

(24/09/2012)



  • Tracklist
  1. Alpha And Omega
  2. Risacca
  3. Castiglione Della Pescaia, Winter 2011
  4. Terra
  5. Bookcrossing
  6. Sole
  7. Pianura (Con Gli Occhi Di F.)


Giulio Aldinucci su OndaRock
Recensioni

GIULIO ALDINUCCI

Borders And Ruins

(2017 - Karlrecords)
Profondità abissali e sacrale elevazione nel capolavoro del sound artist senese

GIULIO ALDINUCCI

Goccia

(2016 - Home Normal)
Continua l'innovativo percorso ambientale del compositore toscano

GIULIO ALDINUCCI

Spazio Sacro

(2015 - Time Released Sound)
Un nuovo capitolo del discorso ambientale sul sacro, questa volta made in Italy

GIULIO ALDINUCCI

Aer

(2014 - Dronarivm)
La conversione ambientale in senso stretto del talentuoso musicista senese

Giulio Aldinucci on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.