School Of Seven Bells

SVIIB

2016 (Vagrant Records) | dream pop, synth-pop

Gli School Of Seven Bells si sono formati nel 2007 dall'incontro tra Benjamin Curtis, precedentemente nei Secret Machines, e le sorelle gemelle Alejandra e Claudia Deheza. Dopo la dipartita di Claudia, qualche anno più tardi, la band diviene a tutti gli effetti un duo e il duo diviene una coppia. Alejandra e Benjamin vivono infatti la loro relazione per cinque anni, prima che essa si incagli nella malattia di Benjiamin, un linfoma, che lo condurrà alla morte nel 2013.

"SVIIB", completato prima del decesso di quest'ultimo e ora ripreso da Alejandra con l'aiuto di Justin Meldan-Johnsen (bassista dei NIN e già produttore per M83 e Crystal Fighters), suona dunque come un memoriale che vede la frapposizione di vita e arte. Ma tra le pieghe delle canzoni non v'è disperazione: solo una ventata di malinconia, riscontrabile nella voce gentile della cantante.
Nel complesso l'album risulta più maturo dei precedenti lavori della band, sempre a cavallo tra un lieve ma mai molle tepore autunnale, la tentazione di rubare l'estaticità agli Slowdive e il reiterare di dinamiche puramente synth-pop. "Open Your Eyes" è uno dei pezzi più significativi del disco: è il dolce risveglio mattutino di un amore che sta cercando la sua forza, della speranza dopo il patimento, dell'onnipresente tensione tra due persone che hanno scelto di mettere il cuore in comune, di un miraggio che aleggia nel riverbero di quello che sembra essere un sogno. Il brano, scelto come primo singolo, si compone per l'appunto delle consuete sonorità dream-pop e synth-pop tanto care al duo ma, tra i delay, si arricchisce di strofe dall'andamento quasi hip-hop. Il risultato è una ballata ingenua e impalpabile.
Alcuni pezzi spostano invece lo shift su ritmiche più ballabili, dall'opener "Ablaze", tra i più incisivi, alla più oscura "Music Takes Me", che si apre poi nel refrain.

La seconda parte del disco appare più irregolare, ma priva di sciatterie ed evidenti sincrasie. È "Confusion", con le sue scariche rockeggianti, l'ultima traccia a essere stata composta da Curtis durante la terapia, prima di spegnersi, ed essa pare intimamente legata al brano susseguente, posto non a caso in conclusione, "This Is Our Time", che è arioso e malinconicamente sfavillante.
“This is our time, and our time is indestructible".
Una storia che, a questo punto, non avrebbe potuto vantare finale migliore.

(04/03/2016)



  • Tracklist
1. Ablaze
2. On My Heart
3. Open Your Eyes
4. A Thousand Times More
5. Elias
6. Signals
7. Music Takes Me
8. Confusion
9. This Is Our Time




School Of Seven Bells su OndaRock
Recensioni

SCHOOL OF SEVEN BELLS

Ghostory

(2012 - Vagrant Records/Ghostly International)
Un ponte ideale tra i synth degli anni 80 e il dance-pop contemporaneo

SCHOOL OF SEVEN BELLS

Disconnect From Desire

(2010 - Full Time Hobby)
Un sound dai contorni pił definiti per un fascino diverso ma sempre coinvolgente

SCHOOL OF SEVEN BELLS

Alpinism

(2008 - Ghostly International)
New wave su quella linea evolutiva che da Young Marble Giants ha portato agli Stereolab

News
School Of Seven Bells on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.