06/08/2019

Queensr˙che

Rock Planet, Pinarella di Cervia


di Michele Bordi
Queensr˙che
“And then there were two”, parafrasando un celebre titolo dei Genesis, quando i pezzi persi per strada iniziavano a diventare parecchi. Così è per i Queensrÿche, di ritorno in Italia con due soli membri storici superstiti dai vari sconvolgimenti degli ultimi anni: Michael Wilton ed Eddie Jackson scelgono la riviera romagnola per proporre un’insolita alternativa heavy in una delle capitali della movida balneare.

Arriviamo al Rock Planet di Pinarella di Cervia giusto in tempo per una delle band di spalla, perdendoci purtroppo l’alternative-metal dei tedeschi Mirrorplain ma riuscendo ad ascoltare il set potente e coinvolgente dei Firewind. La band greca sfrutta al massimo i tre quarti d’ora a disposizione scaldando il pubblico e facendolo saltare con una scaletta  essenziale ma equilibrata, compresa la sorprendente cover “Maniac” di Michael Sembello. Il pubblico gradisce e dà tutta l’impressione di non essere arrivato esclusivamente per gli headliner della serata, saliti finalmente sul palco alle 22.30 in punto.

Se le ultime prove in studio della band di Seattle, pur risultando in lavori dignitosi con qualche acuto interessante, lasciavano pochi dubbi sulla scarsa capacità di puntare a nuovi ambiziosi orizzonti, la versione live dei Queensrÿche di oggi ha una dimensione grosso modo maggiore. Già l’opener “Blood of the Levant”, brano di apertura dell’ultimo lavoro “The Verdict”, acquista dal vivo una forza maggiore, confermando quella che sembra da anni essere la volontà della band, ovvero diventare una band heavy metal senza tanti fronzoli o digressioni cerebrali, e le scelte fatte nel vasto repertorio di classici confermerebbero questa sensazione. Metà della scaletta percorre i punti più ruvidi e diretti della produzione degli anni 80, dall’orrore futuristico di “NM 156” e “Screaming in Digital” agli inni epici di “Queen of the Reich”, “Take Hold The Flame” e “Operation: Mindcrime”.

todd_600

Todd La Torre si dimostra per l’ennesima volta all’altezza di requisiti vocali tanto esosi, i quali erano proibitivi al buon Geoff da ben oltre un decennio. La presenza sul palco non sarà mai magnetica come per il suo predecessore ma la carica sul palco è esplosiva e la sensazione di una band unita piuttosto di un gruppo di gregari al seguito della prima donna è netta e tangibile.
La mancanza di Rockenfield alle pelli è sicuramente percepibile ma Casey Grillo dei Kamelot - suo sostituto live - non sembra in difficoltà nell’intrecciarsi a un Eddie Jackson pieno di entusiasmo. E Wilton? Di fatto è lui il senatore che fa impazzire i fan, regalando rasoiate chitarristiche in occasione di ogni sua uscita solista.
In questo tripudio di metallo trapanante, sembra fuori contesto la stupenda ballata “Silent Lucidity”, o forse il buon Todd è semplicemente più a suo agio quando deve spingere forte sulle corde vocali. Il finale di un’ora e mezza risicata di spettacolo è dedicata alla coppia “Jet City Woman” ed “Empire”, entrambe estratte dall’omonimo disco che resta uno dei capolavori meglio invecchiati della band.

band_600

Una serata sostanzialmente soddisfacente, di ottima intensità, non può lasciare insoddisfatto il pur esiguo pubblico accorso (meno di 200 persone). Tuttavia, il ridottissimo spazio concesso ai brani nati dopo il 1994 (solo quattro, di cui tre dell’ultimo full-lenght), come peraltro accaduto per tutti i tour del dopo Tate, non fanno che confermare una sensazione difficile da scacciare: vedere i Queensrÿche dal vivo oggi significa assistere a una - entusiasmante, coinvolgente e impeccabile che si voglia - tribute band di lusso.



contributi fotografici di Lorenzo Bolletta

Setlist
  1. Blood of the Levant
  2. I Am I
  3. NM 156
  4. Man the Machine
  5. Walk in the Shadows
  6. Condition Hüman
  7. Queen of the Reich
  8. Silent Lucidity
  9. Operation: Mindcrime
  10. Screaming in Digital
  11. Take Hold of the Flame
  12. Eyes of a Stranger
  13. Light-years
  14. Jet City Woman
  15. Empire
Queensr˙che su OndaRock
Recensioni

QUEENSR˙CHE

The Verdict

(2019 - Century Media)
Il terzo album in studio con Todd La Torre per gli americani

QUEENSR˙CHE

Queensr˙che

(2013 - Century Media)
Dopo il debutto della nuova creatura di Geoff Tate, tornano i Queensrÿche di Rockenfield e compagni, ..

GEOFF TATE'S QUEENSR˙CHE

Frequency Unknown

(2013 - Cleopatra)
L'esordio della nuova ma omonima band dell'ex-Queensrÿche Geoff Tate

QUEENSRYCHE

Dedicated To Chaos

(2011 - Roadrunner)
Il mediocre e "indecifrabile" ritorno della storica formazione statunitense

QUEENSRYCHE

Operation: Mindcrime 2

(2006 - Rhino/ Wea)

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.