Beck

Guerolito

2006 (Interscope) | alt-pop

Quasi un anno fa è uscito "Guero", il primo disco che non ha stupito nell'ultradecennale carriera di Beck. Qualcuno lo ha trovato mediocre, qualcun altro accettabile, ma non all'altezza del glorioso passato, e uno sparuto gruppetto di fedelissimi un disco sottovalutato.
Quello su cui però sono stati tutti d'accordo è che molto meglio dell'album vero e proprio erano i remix inclusi nell'edizione limitata.
Di Beck si possono dire tante cose, ma di certo non che non sia un ragazzo sveglio.
Ecco quindi sul mercato un intero cd di remix, molti dei quali d'autore. E sì, alla fine è più interessante di "Guero".
Non è un'operazione peregrina, dunque. Pur rispettandoli, i nuovi mix aggiungono davvero nuove facce ai brani originali, quando non sono semplicemente migliori.

Il disco segue la stessa tracklist di "Guero", proponendo un remix per ogni brano dell'originale.
A volte la decisione appare un po' forzata (sentivate davvero il bisogno di una nuova versione di "Earthquake Weather"?), ma permette un'immediata familiarità con "Guerolito" ("Piccolo Guero", per l'appunto) ed evita quell'effetto-ripetizione che spesso si ha quando si ascoltano remix-album incentrati su due o tre brani dell'originale.
Non tutto il materiale è inedito, però: qualcosa si trovava già nella Deluxe Edition. E' il caso della "Girl" degli Octet: ci era piaciuta allora e ci piace oggi, specie nella decostruzione che ne costituisce l'intermezzo e nella coraggiosa scelta di fare a meno del ritornello. E' quasi un altro pezzo, ma davvero niente male.
Anche l'"inedito" è in realtà editissimo: "Clap Hands", infatti, non è stato solo un simpatico brano finito ad arricchire l'edizione Deluxe, ma anche l'apertura dei concerti estivi di Beck e uno dei momenti migliori quando, verso la fine, veniva eseguita con il solo ausilio di posate, bicchieri e altri oggetti da cucina.
E' soprattutto un peccato che pure il superclassico di questa raccolta fosse già uscito.
Trattasi ovviamente della miracolosa "Broken Drum", griffata Boards Of Canada, con i suoi nastri all'indietro, la sua psichedelica malinconica che si sposa alla perfezione con il testo, la produzione non meno che perfetta. Sintesi emotiva di ogni cuore infranto e di ogni mente lontana.

Scompare invece l'ottima "Missing" remixata dai Röyksopp.
Non si sa se il sacrificio sia dovuto alla scelta di inserire un solo remix per canzone oppure perché, effettivamente, il duo di Tromsø aveva reso il brano un proprio pezzo cantato da Beck. Il sostituto, però, è all'altezza della situazione, anche perché il nome messo in campo è di quelli che pesano.
La nuova "Missing", rinominata "Heaven Hammer", è un ricostruzione operata dagli Air. Il duo di Versailles non poteva dire di no alla richiesta di un vecchio amico e sceglie un'atmosfera quasi cupa, con synth che imitano gli archi, pianoforte e un sentore di catastrofe imminente.
Non viene altrettanto ben sostituita la spigolosa rielaborazione di "Hell Yes", che Dizzee Rascal aveva fornito per l'edizione Deluxe, ma è una mancanza che ha una ragione d'essere: non si poteva rendere la suddetta supercostosa edizione completamente priva di senso, no?

Ci sono poi altri remix inediti che meritano la citazione.
La "E-Pro" appena pasticciata dagli Homelife, per esempio, rispettosissima del coretto che della canzone è il punto di forza. Oppure il giocoso mix di "Qué Onda Guero" proposto dagli Islands.
E il Dust Brother John King fa di una canzone spostata come "Rental Car" un vero elettro-delirio.

Operano bene anche i nomi hip-hop coinvolti.
Ad Rock, un terzo dei Beastie Boys, lavora su "Black Tambourine". Gli handclap risuonano nel vuoto di una versione scarna, essenziale e virata su un suono avveniristico come ci si aspetta dal nome coinvolto.
Buonissimo anche il lavoro di un El-P che supera le più rosee aspettative su "Scarecrow", in partenza non uno dei brani migliori di "Guero". Tanto di cappello, quindi: a El-P, certamente, ma soprattutto a quella vecchia volpe di Beck Hansen.

(17/12/2006)

  • Tracklist
  1. Ghost Range (E-Pro) - Homelife
  2. Qué Onda Guero - Islands
  3. Girl - Octet
  4. Heaven Hammer (Missing) - Air
  5. Shake Shake Tambourine (Black Tambourine) - Ad Rock
  6. Terremoto Tempo (Earthquake Weather) - Mario C
  7. Ghettochip Malfunction (Hell Yes) - 8 Bit
  8. Broken Drum - Boards Of Canada
  9. Scarecrow - El-P
  10. Wish Coin (Go It Alone) - Diplo
  11. Farewell Ride - Subtle
  12. Rental Car - John King
  13. Emergency Exit - Th' Corn Gangg
  14. Clap Hands
Beck su OndaRock
Recensioni

BECK

Colors

(2017 - Capitol)
Un lampo di colore pop nel tredicesimo capitolo di Mr. Hansen, tra radiofonicità e conti col passato ..

BECK

Morning Phase

(2014 - Capitol)
Per l'atteso ritorno dopo sei anni, Beck ripercorre i sentieri del folk e della pace interiore

BECK

Modern Guilt

(2008 - Universal)

Il nuovo cocktail "post-tutto" del cantautore californiano

BECK

The Information

(2006 - Interscope)

BECK

Guero

(2005 - Interscope/Universal)

BECK

Sea Change

(2002 - Geffen)

BECK

Mellow Gold

(1994 - Geffen)
Il capolavoro di Beck Hansen, tra rock, hip-hop e lo-fi

News
Live Report


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.