A Place To Bury Strangers

A Place To Bury Strangers

2007 (Killer Pimp) | shoegaze, dark-wave

Non si possono fare rivoluzioni lì dove già sono state fatte: band che hanno stravolto la storia del rock come Jesus & Mary Chain, My Bloody Valentine e Slowdive hanno lasciato un'eredità pesantissima che nessuno ha saputo raccogliere, tranne certi inarrivabili Primal Scream.
Oggi, in questa esigua lista va ad aggiungersi il nome degli A Place To Bury Strangers, che con l'omonimo album d'esordio provano a ripercorre quelle strade sudice, marce e rumorose.

"The loudest band in New York" è stato definito questo terzetto statunitense, formato da Oliver Ackermann (chitarra e voce), JSpace (batteria), Jono Mofo (basso). La band mostra carattere (decadente) da vendere, ma bisogna pur riconoscere che il loro sound in alcune occasioni, vedi "Another Step Away" e "Breathe", richiama troppo da vicino, fino a sfiorare l'imbarazzo, quello dei già citati Jesus & Mary Chain (strano che il gruppo dei fratelli Reid, nonostante sembrino il modello principale a cui si ispirano, non venga citato nelle proprie influenze dalla band).

L'esordio degli A Place To Bury Strangers è la fotografia di un gruppo che mostra di avere delle basi solide su cui appoggiarsi, per poi da quei punti fermi svariare da un richiamo stilistico all'altro: dal rock 'n' roll lobotomizzato stile Suicide di "I Know I'll See You" al cerimoniale oscuro alla Sisters Of Mercy di "The Falling Sun", davvero intenso nelle sue esplosioni di feedback, nell'atmosfera new age delle tastiere e nell'orazione apocalittica di Ackermann. Ma i riferimenti della band a certo sound oscuro e noise-oriented non terminano qui: "To Fix The Gash In Your Head" è un devastante elettro-punk che non sfigurerebbe nei migliori dischi dei Primal Scream, mentre la conclusiva "Ocean" cova dentro di sé i semi dei fantasmi di Joy Division e Cure.

La band cerca l'equilibrio perfetto tra citazioni del passato (new wave, noise, shoegaze) e sguardo sul presente, e a tratti ci riesce bene, come nell'iniziale "Missing You", baccanale futurista dalla ferocia carezzevole. Ma anche un pezzo come "Don't Think Lover" riserva sorprese imprevedibili: l'apertura è affidata a un riff di chitarra nettamente heavy, ma poi il brano devia in una cavalcata romantica e soffusa. In brani nevrastenici come "She Dies", dove le distorsioni killer di Ackermann raggiungono il loro apice rumorista, e la fulminea "My Weakness", la band newyorkese dà il meglio di sé, lasciando presagire enormi potenzialità in chiave live.

Tutti e dieci i pezzi del disco hanno dei trait d'union immediatamente riconoscibili: la fisicità nervosa, il rumor bianco, le atmosfere perversamente oniriche, il gusto e l'amore per la citazione. Quest'ultimo aspetto non deve trarre però in inganno: se è pur vero che, come già espresso in precedenza, un paio di episodi risultano epigoni di certo rock britannico di stampo Eighties, è altrettanto vero che il resto delle tracce abbozza tentativi ammirevoli di rielaborazione di quegli stessi modelli. In questo senso, la provenienza della band acquista particolare pregnanza: gli A Place To Bury Strangers sono di New York e il loro sound, per quanto si regga sugli stilemi delle dark-wave e della psichedelia shoegaze albioniche, è impregnato di quegli umori metropolitani, drastici ed estremi, dei quali la tradizione rock della Grande Mela è ricca di esempi. La loro attitudine allo squasso supersonico, alla ritmica triviale e a un minimalismo rumorista è figlia dell'estetica che va dai Velvet Underground ai Liars.

Insomma, la formula degli A Place To Bury Strangers coagula due "modi di far rumore": quello britannico, anemico e melodico, con quello americano, putrido e divelto. È vero, come si diceva in apertura, che non si possono fare rivoluzioni lì dove già sono state fatte, ma di bei dischi, quelli sì, è ancora possibile farne.

(10/09/2007)

  • Tracklist
  1. Missing You
  2. Don't Think Lover
  3. To Fix The Gash In Your Head
  4. The Falling Sun
  5. Another Step Away
  6. Breathe
  7. I Know I'll See You
  8. She Dies
  9. My Weakness
  10. Ocean
A Place To Bury Strangers su OndaRock
Recensioni

A PLACE TO BURY STRANGERS

Pinned

(2018 - Dead Oceans)
Nuova batterista e controcanti femminili nel quinto capitolo dell'odissea sonica del trio guidato da ..

A PLACE TO BURY STRANGERS

Transfixiation

(2015 - Dead Oceans)
Quarto album e nuove conferme per gli alfieri dello shoegaze-noise contemporaneo

A PLACE TO BURY STRANGERS

Worship

(2012 - Dead Oceans)
Terzo centro pieno per il trio newyorkese shoegaze-noise pił ammirato del momento

A PLACE TO BURY STRANGERS

Exploding Head

(2009 - Mute)
Al secondo disco, la band Usa realizza la miglior guida possibile per i giovani noise/shoegaze di oggi ..

News
Live Report
A Place To Bury Strangers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.