Oi Va Voi

Oi Va Voi

2007 (V2) | etno-folk-pop

Londinesi ma di chiare origini israeliane, gli Oi Va Voi avevano fatto notizia impressionando critica e pubblico con il loro “Laughter Through Tears” del 2004, secondo album (dopo un ormai introvabile disco d’esordio), nel quale proponevano un’intrigante miscela di elettronica, pop e danze tradizionali mediorientali e dell’Est Europa.
Persa la violinista Sophie Solomon e l’ospite fissa KT Tunstall (sì, quella del tormentone “Black Horse And The Cherry Tree”....), e dopo varie traversie personali e discografiche, i cinque membri della band ritornano sulle scene con questo album omonimo, in cui cedono qualcosa in termini di energia, ma confermano il loro talento nel confezionare canzoni pop singolari e armoniose.

L’album pare dedicato alla figura di Yuri Gagarin, astronauta russo, e ad aprire il disco è proprio una comunicazione che sembra venire dallo spazio su cui si innalza un’allegra danza elettro-etnica, un po’ Bregovic e un po’ Kraftwerk.
Le influenze tradizionali nel resto del disco sono però meno marcate, così come viene ridotto l’uso dell’elettronica. A far da padrone sono canzoni pop ben costruite a volte debitrici a degli Air più lounge (“Look Down”), altre volte delicatissime e dai sapori orientaleggianti o malinconicamente gitani (“Dry Your Eyes”; “Worry Lines”).
Dimostrano in ogni caso gran classe, gli Oi Va Voi, nelle orchestrazioni dei loro pezzi, basti sentire il crescendo tra clarinetto e violino nel bel folk-pop di “Further Deeper” o l’uso degli archi e degli strumenti tradizionali a corda nel meraviglioso sottofondo etnico di “Black Sheep”.

Il disco mostra invece la corda quando rischia episodi leggermente inusuali; la finale “Spirit Of Bulgaria” (praticamente uno di quei messaggi vocali presenti nei cd per pulire le testine del lettore) è solo un divertissement, “Dissident” è una sorta di preghiera yiddish-russa con trombe che ricordano i Blood, Sweat & Tears, mentre in “Balkanik” ritornano le danze folkloristiche ma stavolta la canzone è troppo ripetitiva, meno riuscita dell’iniziale “Yuri” e si risolleva solo nel finale.

In conclusione, però, nonostante manchi forse la verve di alcuni pezzi di “Laughter Through Tears”, il disco, registrato tra Tel Aviv e Londra, conferma l'abilità del gruppo nell'amalgamare tradizioni musicali etniche con elementi moderni in maniera non banale e sempre efficace. E non è cosa da tutti.

(16/05/2007)

  • Tracklist
  1. Yuri
  2. Further Deeper
  3. Look Down
  4. Dissident
  5. Balkanik
  6. Black Sheep
  7. Nosim
  8. Dry Your Eyes
  9. Worry Lines
  10. Spirit Of Bulgaria
Oi Va Voi su OndaRock
Recensioni

OI VA VOI

Travelling The Face Of The Globe

(2009 - Oi Va Voi Recordings)
Ritrovata ispirazione per il gruppo folk londinese di origini ebraiche

Oi Va Voi on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.