Butcher The Bar

Sleep At Your Own Speed

2008 (Morr) | alt-pop-folk

Butcher The Bar, al secolo Joel Nicholson, debutta nel 2007 con un doppio singolo, "Get Away/Leave This Town", un paio di canzoni che impostano una versione light delle anemie di Elliott Smith a base di arrangiamenti vagamente roots (poi arricchiti d’impercettibili sostrati electro di marca Morr), e un canto al limite dell’asessuato.
Il debutto su lunga distanza, "Sleep At Your Own Speed", prodotto dalla casa berlinese, aggiunge soprattutto canzoni come "Gumble", che offre la migliore prestanza melodica della collezione (a ricordare il Sufjan Stevens sussurrato degli esordi), "Opening Night", dall’afflato disteso Iron&Wine e il canto più impercettibile dell’album (quasi un sibilo), "You Know Everything" e "House/Home", una filastrocca diafana ma pregna di arrangiamenti variopinti.

Nelle altre canzoni l’autore ripete i clichè delle sue creazioni migliori, a guisa di malacopia: "Rounds" e "Ball Point Skin Notes" per "House/Home" (solo più mosse), "Bike" per "You Know Everything", "Head’s Content" per "Get Away" (la sua controparte Drake-iana), "The Boy You Miss The Most" per "Leave This Town"; l’unica a distinguersi è "New Nest", ma è soltanto un docile soffio in puro stile Donovan.
Il sentiero su cui si è incamminato l’esordio del ventiduenne Nicholson (base nell’Inghilterra del Nord), supportato da pochi intimi - per la precisione "me and my bedroom" - è piano, ma ancor troppo esiguo a garantire un pieno accesso alla profondità, per un’opera piuttosto lacunosa tanto nell’espressione (la cieca fede nel canto anemico) quanto nella sostanza (i debiti creativi fin troppo preponderanti), pur calibrata ad accompagnamenti così poco calcati che - non fosse per la dicitura Morr Music - sarebbero persino autoironici.

(16/07/2008)

  • Tracklist
  1. Get Away
  2. Sex Szene
  3. Gumble
  4. You Know Everything
  5. House/Home
  6. New Nest
  7. Opening Night
  8. Bike
  9. Leave This Town
  10. Head's Contents
  11. Ball Point Skin Notes
  12. The Boy You Miss The Most
  13. Rounds
Butcher The Bar su OndaRock
Recensioni

BUTCHER THE BAR

III

(2019 - Bobo Integral)
La consacrazione power-pop dell'artista (non più) da cameretta inglese

BUTCHER THE BAR

For Each A Future Tethered

(2011 - Morr)
Il secondo tentativo, ora pienamente orchestrato, del “cantautorino” Joel Nicholson

Butcher The Bar on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.