Horse Feathers

House With No Name

2008 (Kill Rock Stars) | alt-folk, chamber-folk

Tra i dischi più piacevoli offerti dal 2008, vi è senz’altro il secondo album di questo trio originario di Portland, nell’Oregon, che prende a prestito il nome da uno dei più buffi film dei fratelli Marx.
L’album si muove con dolcezza e grazia tra un songwriting delicato che richiama i primi Iron & Wine, o le cose migliori di Rivulets, con venature country gentili e trasognate.
Non mancano i momenti di ricerca più intensa, come negli intrecci di violoncello e chitarra acustica in “Helen”, forse la traccia più intensa, con delicati pizzicati di violoncello.

In generale, l’assenza di ogni forma di percussione dona a questo lavoro un ulteriore pathos intimista. Richiami del Lawrence Hammond trasfigurato nelle praterie, spazi immensi sotto costellazioni.“Father”, struggente ballad, e ancora “Different Grey”, melanconica e notturna.
Se “alternative folk” è l’etichetta che a questa musica si deve dare, qui veramente si tratta di musica alternativa. Qualcosa di profondo emerge tra le tracce di questo album, che richiama con attenzione il meglio della musica americana nuova, sia essa una epopea di John Fahey o l’obliqua ricerca di Fraser & DeBolt o Chris Darrow alla ricerca della luna. 

L'iniziale “Curs In The Weeds” è già un piccolo gioiello-manifesto: la voce un po’ triste di Justin Ringle dipinge una elegiaca ballad tradizionale per i due multistrumentisti Heather e Peter Broderick. Già il secondo brano è in odore di ciò che un tempo chiamavamo "folk progressive": la tesa trama di violoncello di “Rude To Rile”, infatti, riporta alla mente sia i citati Fraser & DeBolt, che nel loro mitico album d’esordio rivoluzionarono il country-rock dal profondo delle sue radici, sia l’iperbolica avventura – in terra d’Albione – che Shelleyan Orphan si trovarono a percorrere in “Helleborine”.
Il banjo riporta alle roots del folk americano nella cadenzata “Working Poor”, alla quale il violoncello contribuisce a conferire, con le sue note più basse, un’aura epica. “Albina”, una ballad country con un breve intermezzo umoristico, è quasi una citazione beatlesiana; “A Burden”, tra le tracce migliori, è un capolavoro folk venato di psichedelia dal sapore barrettiano.

Un disco straordinario che rivela una band dal talento veramente notevole e in rapida espansione. Segnaliamo la versione – assai più appropriata – in vinile, che offre un intelligente free download dell’intero album (con inedito) in formato mp3.

(06/01/2009)

  • Tracklist
  1. Curs In The Weeds
  2. Rude To Rile
  3. Working Poor
  4. Albina
  5. Burden
  6. Helen
  7. Father Reprise
  8. Heathen's Kiss
  9. Different Gray
  10. This Is What
  11. Father
Horse Feathers su OndaRock
Recensioni

HORSE FEATHERS

Appreciation

(2018 - Kill Rock Stars)
Un eccitante rientro per la band di Justin Ringle, tra tentazioni chamber-folk e gustose invenzioni ritmiche ..

HORSE FEATHERS

So It Is With Us

(2014 - Kill Rock Stars)
Justin Ringle si risolleva con slancio da un temuto scioglimento della sua band

HORSE FEATHERS

Cynic's New Year

(2012 - Kill Rock Stars)
Continua la primavera cameristica del gruppo di Justin Ringle

HORSE FEATHERS

Thistled Spring

(2010 - Kill Rock Stars)
Cambio di line-up ma invariati bozzetti chamber-folk nella terza stagione di Jason Ringle

Horse Feathers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.