Boo Hewerdine

God Bless The Pretty Things

2009 (Navigator) | songwriter

L’album dei Bible “Walking The Ghost Back Home” - uno dei dischi di culto del pop inglese degli anni 80, salutato dalla critica come il matrimonio perfetto tra l’urgenza degli Smiths e la raffinatezza dei Steely Dan - era frutto del talento di Boo Hewerdine. 

Artista dalla scrittura chiara e decisa, dopo il mancato successo con il secondo album dei Bible, “Eureka”, e archiviate alcune delle più belle canzoni degli anni 80 (“Honey Be Good”  una delle “31 Songs” preferite da Nick Hornby e “Last Cigarettes” resa celebre da K.D. Lang), concentra la sua carriera sull'attività solista.
 
Una serie di album sempre delicatamente sulle righe del pop acustico e una lista infinita di collaborazioni (circa settanta!) consegnano lo status di figura di culto al musicista che dopo due mini-album (“Toy Box 1 & 2”)  ritorna con un disco e una vera e propria band (la prima dai tempi dei Bible).
Tra i musicisti fa piacere ritrovare una vecchia conoscenza come Justin Currie dei Del Amitri e gran parte della band di Eddi Reader. Più organico e corposo, “God Bless The Pretty Things”, è un altro delicato capitolo della discografia di Boo Hewerdine destinato a soddisfare le aspettative dei fan ma poco adatto a raccogliere nuovi consensi.

Il tono estremamente confidenziale e confortevole rende l’ascolto piacevole ma mai convolgente, Boo preferisce ammorbidire i toni della sua proposta senza osare soluzioni ardite e innovative e affida tutto alla qualità delle composizioni.
Romantiche e sofisticate, le nostalgiche ballate raccontano di un passato ormai lontano, “Geography”, o di luoghi della memoria ricchi di emotività, “In Paris After The War”; le canzoni scorrono senza turbare, quasi fossero un antidoto alla frenesia moderna.

Leggere influenze jazz accompagnano le note di “Silver Wings” e soprattutto di “Rags”, che si segnala  come una delle più intense composizioni dell’autore.
Altra punta di diamante è ”Sleeping Lions”, una country song suadente e amabilmente ruffiana, mentre “Muddy Water” riconsegna le atmosfere dei Bible con la stessa incisività e classe.
Il resto scorre con ingenua semplicità tra le atmosfere celtiche di “New Year’s Eve” e gli eleganti momenti intimi di “Soul Mate” e “You and Me”.
“God Bless The Pretty Things” conferma le buoni doti di Boo Hewerdine senza aggiungere o togliere nulla.

(17/12/2009)

  • Tracklist
 1. Geography
 2. Muddy Water
 3. Sleeping Lions
 4. New Year’s Eve
 5. Rags
 6. It’s A Beautiful Night
 7. In Paris After The War
 8. Soul Mate
 9. Silver Wings
10. I Almost Said Goodbye
11. You and Me
Boo Hewerdine on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.