Josephine Foster

Graphic As A Star

2009 (Fire) | alt-folk

"A un cuore in pezzi

Nessuno osi avvicinarsi

Senza l'alto privilegio

Di avere sofferto altrettanto"

(Emily Dickinson, poem 1704)


Con purezza di intenti e innata, discreta grazia Josephine Foster offre della intensa e solitaria poetica di Emily Dickinson una lettura personale e inedita, riuscendo - cosa per niente semplice - a rendere della grande poetessa americana quelle "sillabe di seta" (definizione quantomai azzeccata di Stefania Felicioli), quella immensa forza che su trame di ruvida analisi e orditi di diafana tenerezza sovente è tessuta.


"L'Abisso non ha biografi"


I brani musicali contenuti in questo album (disponibile anche in vinile: assai più attraente) sono piccole gemme spettrali e melanconiche, cantate dalla sola voce o accompagnate da una chitarra acustica e talvolta anche da un'armonica a bocca, costruite attorno al nocciolo costituito dalle liriche di Emily Dickinson.

Già dalla iniziale "Trust In The Unexpected", che potrebbe aver scritto Devendra Banhart col cuore gonfio di emozioni per William Kidd, per poi seguire nella successiva "How Happy Is The Little Stone" risulta evidente la scelta stilistica di Josephine, muovendosi con delicatezza e rispetto, trasfigurando il mistero della vita reclusa della Dickinson, declinandola verso un folk essenziale, desertico che proprio come certe immagini dell'America rurale di John Ford, anche l'isolato Massachusetts di Emily Dickinson eleva a Terra Promessa: una nuova Gerusalemme trapiantata con visionarietà blakeiana anziché nella perfida Albione sui monti Appalachi; e ogni percorso spettrale gestualità liturgica.


"Se labbra mortali potessero intuire

Il carico inespresso di una sillaba

Nel momento in cui fosse detta

Si sbriciolerebbero sotto il suo peso"

(Emily Dickinson, poem 1709)


"Beauty Crows Me Till I Die" sembra portare in sé il patrimonio genetico di Shirley Collins e delle ricerche da lei assieme alla compianta sorella Dolly condotte attorno a quella essenzialità vocale della più pura tradizione, con rigore e grazia in rarissimo connubio. Cionondimeno l'ascesi spirituale di questi e altri brani come "Wild Nights - Wild Nights!" bruciano nei cuori come fuochi da campo: la sola voce, lo strumento originale, per citare Joan La Barbara, estrae, espianta queste piccole gemme dal tempo che sembra flettersi, mutante significante. "Ah Tenerife", imparata la lezione dei deserti banhartiani, si scaglia in un'aura senza tempo né spazio, portando le suggestioni vocali verso una malinconica introspezione con inusitata profondità e colta ammirazione, arrivando persino ad abbracciare lande di inconsci improbabilmente condivisi: tra le tracce migliori delle ventisei che compongono questo piccolo capolavoro.

La chitarra folk, suonata con distratta intenzione di lucida visione dei piani sonori accompagna brani nei quali il lascito di Joan Baez, di Dylan, o persino di Lawrence Hammond e dei suoi Coyotes è evidente, con tanto di armonica a bocca: "Tell As A Maskman - Were Forgotten" ne è riuscitissimo esempio.


Un album straordinario, ovvio dire poetico, coraggioso, estremo e singolare.

(11/02/2010)

  • Tracklist
  1. Trust In The Unexpected
  2. How Happy Is The Little Stone          
  3. She Sweeps With Many-Colored Brooms            
  4. Ah, Teneriffe!
  5. Who Is The East?
  6. They Called Me To The Window          
  7. This - Is The Land - The Sunset Washes               
  8. Like Mighty Foot Lights - Burned The Red 
  9. Exultation Is The Going
  10. In Falling Timbers Buried
  11. With Thee In The Desert
  12. I See Thee Better - In The Dark
  13. Your Thoughts Don't Have Words Every Day
  14. My Life Had Stood - A Loaded Gun  
  15. Eden Is That Old-Fashioned House
  16. Beauty Crowds Me Till I Die
  17. I Could Bring You Jewels - Had I A Mind To
  18. Wild Nights - Wild Nights!   
  19. Only A Shrine, But Mine
  20. Tho' My Destiny Be Fustian          
  21. What Shall I Do - It Whimpers So  
  22. Heart! We Will Forget Him!
  23. Strong Draughts Of Their Refreshing Minds
  24. Tell As A Marksman - Were Forgotten        
  25. The Spider Holds A Silver Ball
  26. Whoever Disenchants
Josephine Foster su OndaRock
Recensioni

JOSEPHINE FOSTER

No Harm Done

(2020 - Fire)
Dopo venti anni di onorata carriera, il talento della musicista americana è ancora puro e cristallino ..

JOSEPHINE FOSTER

Fairy Faithful Harmony

(2018 - Fire)
La sirena torna a incantare e questa volta sarà difficile resistere alla sua voce ammaliatrice ..

JOSEPHINE FOSTER

No More Lamps In The Morning

(2016 - Fire Records)
La folksinger americana reinterpreta se stessa con tenerezza e audacia

JOSEPHINE FOSTER

I'm A Dreamer

(2013 - Fire)
L'opera più accessibile e raffinata della grande interprete e studiosa del folk

JOSEPHINE FOSTER

Blood Rushing

(2012 - Fire)
La cantautrice americana torna a vestire i panni della strega campestre degli esordi

JOSEPHINE FOSTER

This Coming Gladness

(2008 - Bo'Weavil)
Alla ricerca della felicità: lo straordinario come back della Foster

News
Josephine Foster on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.