Skunk Anansie

Wonderlustre

2010 (V2) | alt-rock, pop

Deborah Anne Dyer (Skin) è stata una delle più celebri e controverse cantanti degli anni Novanta. Quasi il punto d'incontro tra Patti Smith e Grace Jones, la pantera nera dalla voce inconfondibile e dalla personalità grintosa si è dimostrata un raro animale da palcoscenico e, nei tre Lp incisi con gli Skunk Anansie ("Paranoid and Sunburnt", "Stoosh" e "Post-Orgasmic Chill") prima dello scioglimento, ha saputo dosare bene inni rock spigolosi e incazzati e ballad convincenti, a tratti malinconiche, ma senza mai eccessi di zucchero. Poi sono arrivate collaborazioni con i Marlene Kuntz ("La canzone che scrivo per te") e con Maxim dei Prodigy ("Carmen Queasy") e due mediocri album solisti: lo sciapo "Fleshwounds" è arrivato anche in top ten ed è stato anche riproposto con una rilettura - invero assai irrilevante - di "Getting Away With It" degli Electronic.
Nel 2009 la band sotterra l'ascia di guerra e promuove un inevitabile greatest hits dalla scaletta scontata, "Smashes And Trashes", che è servito per fare il punto della situazione e a riportare i quattro in tournée. Non mancano all'appello neanche tre brani inediti, divenuti tutti singoli di un certo successo ("Squander", forse il meno riuscito del lotto, fa parte anche della colonna sonora del film "Tutto l'amore del mondo" di Riccardo Grandi, con Nicolas Vaporidis)
e che hanno comunque fatto ben sperare. Un altro punto a favore degli ormai ex-ragazzi londinesi è che, al contrario di altre reunion, questa ci ripresenta la band al completo nella sua formazione originale.

L'album numero quattro del collettivo, "Wonderlustre", arriva a undici anni di distanza dal precedente. Nel frattempo è nata, esplosa e successivamente giunta al declino l'intera scena indie-rock, eppure gli Skunk Anansie non sembrano voler perdere la propria identità e cercano di riprendere il discorso da dov'era stato interrotto, anche se talvolta inciampano ugualmente in emulazioni di questo o quel sound in voga. Le dodici nuove canzoni sono ben prodotte - e ci mancherebbe altro: in cabina di regia ci sono Jeremy Wheatley (già al lavoro con gli Hot Chip e i Depeche Mode), Chris Sheldon (collaboratore di Foo Fighters, Radiohead e Pixies) e Cenzo Townshend - ma spesso sono in bilico tra velleità rock e un pop da classifica prevedibile e di maniera. C'è poca freschezza, gli angoli sono stati tutti smussati. I fan storici sono avvisati: qui non troveranno alcuna "Selling Jesus II" - e men che meno un'altra "On My Hotel TV".

Il disco parte bene con "God Loves Only You" e soprattutto con la successiva "My Ugly Boy", intelligentemente selezionata come singolo di lancio (si è rivelata una scelta azzeccata, dal momento che nelle prime settimane l'interesse nei confronti della band è stato piuttosto vivo, tanto che in Italia "Wonderlustre" si è piazzato al primo posto in classifica). Le magagne iniziano con "Over The Love". Cosa non va? Il brano è orecchiabilissimo e spicca senza problemi nelle playlist radiofoniche. Il guaio è che sembra già sentito, non solo per via del mood vagamente coldplayano, ma perché il ritornello è sospettosamente simile a quello della canzone "Lights Out", che pochi mesi prima ha segnato, nel Regno Unito, il ritorno del redivivo Rick Astley (sì, proprio lui!).
"Talk Too Much" quasi riesce a essere una nuova "You'll Follow Me Down"; "The Sweetest Thing" è un potenziale hit single e, nonostante il testo banalotto, funziona (così come la tiratissima "It Doesn't Matter"). La seconda parte del lavoro è invece un po' stanca, senza veri e propri tonfi, ma soprattutto senza guizzi. "Feeling The Itch" richiama ancora una volta i bei tempi andati, ma per il resto si tira spesso a campare.

"Wonderlustre" è dignitoso, ben confezionato e con una discreta dose di hook al posto giusto. Non è una reunion disperata, né ci sono episodi imbarazzanti, e Skin ritrova in parte l'ispirazione che aveva perso nel corso del passato decennio. Però ci si poteva (e doveva) aspettare di più. Come tanti altri loro colleghi, neanche gli Skunk Anansie sono sfuggiti al discutibile espediente della ristampa con l'aggiunta di bonus tracks (già è in arrivo la "Tour Edition" di "Wonderlustre", che intende rilanciare il lavoro in occasione degli imminenti concerti e che comprende sei nuove registrazioni dal vivo).

(02/01/2011)

  • Tracklist
  1. God Loves Only You
  2. My Ugly Boy
  3. Over The Love
  4. Talk Too Much
  5. The Sweetest Thing
  6. It Doesn't Matter
  7. You're Too Expensive For Me
  8. My Love Will Fall
  9. You Saved Me
  10. Feeling The Itch
  11. You Can't Always Do What You Like
  12. I Will Stay But You Should Leave
Skunk Anansie su OndaRock
Recensioni

SKUNK ANANSIE

Anarchytecture

(2016 - Ear Music)
Skin e soci all'inseguimento degli spettri del passato

SKUNK ANANSIE

Black Traffic

(2012 - Carosello)
Il "clit-rock" di Skin e compagni condannato a confermare una vecchia profezia di John Peel

Live Report
Skunk Anansie on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.