Black Angels

Another Nice Pair

2011 (Light In The Attic) | psych-rock

Dieci, cento, mille Record Store Day. Non è solo un augurio estemporaneo, quanto l'ineluttabile considerazione che, se si volesse davvero la sopravvivenza dei piccoli negozi di dischi, ogni giorno dovrebbe essere un Record Store Day, con offerte, concerti ed edizioni speciali. Tra queste ultime - che, per inciso, verranno forse vendute in maggior numero attraverso la Rete, in ogni caso - spicca, quest'anno, la riedizione dei primi due Ep dei Black Angels, l'omonimo - che preludeva all'esordio, "Passover" - e "Black Angel Exit", accluso nelle edizioni speciali del secondo disco "Directions To See A Ghost". Operazione che mostra la firma della loro etichetta di partenza, la Light In The Attic, che celebra qui la scoperta della band psych-rock di Austin.
Quest'ultima, "scottata" dal marketing musicale, che ha voluto che le loro versioni del disco di Roky Erickson venissero scartate a favore della collaborazione del frontman dei 13th Floor Elevators con gli Okkervil River, sfrutta non solo l'evento del Record Store Day, ma anche un lettering piuttosto sfrontatamente d'imitazione (a voi indovinare di chi).

"The Black Angels Ep", ovvero il lato A del vinile, rappresenterà la parte meno sorprendente per i fan del gruppo, dato che raccoglie una sola novità rispetto a "Passover", ossia l'onirica litania per voce, chitarra e organetto di "Winter ‘68". Niente di nuovo, ma la grandiosità psichedelica di pezzi-simbolo come "Black Grease" e "Manipulation" non si può non appuntare, con l'insinuante linea di basso che segue come un'ombra il rivoltarsi dronico dell'incessante riff di chitarra. Tiro ritmico da vendere per un Ep di intensità sovrumana, che aggredisce languidamente, e gioca con la preda nel wah-wah tropicale di "The First Vietnamese War".

Il tocco  non si perde neanche sull'altra faccia del disco, sulla quale il rombo monocorde di "Surf City (Revisited)" si fonde nell'incubo funereo di "Paladin's Last Stand". Rara e preziosa la cover rapita di "No Satisfaction" dei Black Mountain, mentre i nove minuti della jam "Black Angel Exit, Shine" concludono nel migliore dei modi un viaggio, delirante e bellissimo, nelle viscere gocciolanti di mondi alieni e vicini al tempo stesso.

Record Store Day o no, lettering aggressivo che sia, "Another Nice Pair"  è un'uscita da custodire, per una band che forse non ha raggiunto la consacrazione vera e propria, ma non ne ha neanche bisogno.

(18/04/2011)



  • Tracklist
  1. Black Grease
  2. The First Vietnamese War
  3. Winter '68
  4. Manipulation
  5. Surf City (Revisited)
  6. Paladin's Last Stand
  7. No Satisfaction
  8. Black Angel Exit, Shine


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.