Boxcutter

The Dissolve

2011 (Planet Mu) | funk, electro, techno

Irlandese distinto e poco menzionato negli articoli che contano, Boxcutter arriva al quinto album con alle spalle una carriera di tutto rispetto. Cavalcando solo in parte la moda del dubstep, Barry Lynn ha inanellato un'opera più significativa e incisiva dell'altra, dimostrando personalità e gusto artistico rarissimi. Giunto a un bivio in cui si può scegliere se attestarsi su un ritmo da crociera dignitoso o sfondare la porta del cambiamento, il ragazzo prende la seconda via e spiazza tutti con qualcosa di veramente inusuale.

Lasciata da parte la nebbia dubstep a cui attingeva ai tempi di “Glyphic”, l'artista incorpora nella sua miscela influenze inusuali per il suo passato. In “The Dissolve” troviamo una chiara struttura ritmica funk, espressa con l'innesto di basso e percussioni suonate, oltre ad alcune voci femminili di ispirazione soul. Questa scelta, mutuata dallo spirito originario della techno, si tramuta spesso in costruzioni funk-techno che ricordano i miti Robert Hood e Derrick May, fino a raggiungere vere e proprie cavalcate basso-voce in stile funk-soul. L'asciuttezza di questa soluzione propone tredici tracce bilanciate fra inventiva e classicità, componendo un album solido e viscerale.

Il disco si sviluppa da un inizio che esprime la nuova tendenza con tre ballate funk spaziali e avvolgenti, successivamente si possono trovare numeri techno d'alta scuola (le magnifiche melodie incantate di “Cold War”, “Factory Setting” e “Moon Pupils”), strumentali fra elettricità e ritmi decisi (“Passerby”, “TV Troubles”) e qualche ultima concessione al dubstep (i bassi corposi in “Little Smoke”). Fra una title-track un po' fumosa, avvolta da un coltre di ritmi indecisi se spingere o rallentare, e qualche altro episodio inattaccabile (gli intrecci sintetici di “Topsoil” e “Allele” faranno la felicità di ogni appassionato di elettronica), l'album conclude con l'ennesima canzone cantata da Brian Greene ("Ufonik"), suggellando le trovate menzionate all'inizio.

Non un quinto disco banale per Boxcutter: la scelta di rinfrescare la sua musica con l'iniezione di innesti classici e fisicità funk ha prodotto risultati rigeneranti, scongiurando il morbo della staticità e dando una nuova linfa alla sua carriera.

 

Commenta il disco sul forum

 

(25/06/2011)

  • Tracklist
  1. Panama         
  2. Zabriskie Disco         
  3. All Too Heavy
  4. Cold War         
  5. Passerby         
  6. TV Troubles         
  7. The Dissolve
  8. Moon Pupils         
  9. Factory Setting         
  10. Allele         
  11. Topsoil         
  12. Little Smoke Remix
  13. Ufonik
Boxcutter su OndaRock
Recensioni

BOXCUTTER

Arecibo Message

(2009 - Planet Mu)
Novità e conferme nella terza prova del talento irlandese

Boxcutter on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.