Crystal Stilts

In Love With Oblivion

2011 (Slumberland) | psychedelic & garage pop-wave

Il revival poliglotta dei Crystal Stilts si esalta in questo seguito del fortunato e acclamato (per quanto ancora acerbo) "Alight Of Night". Grazie a una scrittura più matura e a una maggior convinzione nell'amalgamare le diverse fonti del loro sound (il garage-rock dell'epoca d'oro, il noise-pop degli anni Ottanta, la new wave più gelida e tagliente e un armamentario lo-fi che li lega anche alla scena di Dunedin, Nuova Zelanda), la formazione newyorkese, guidata dalla voce umbratile e psicotica di Brad Hargett, ci regala una manciata di brani di deliziosa fattura, la cui patina oscura e la "bassa fedeltà" non riescono a tenere a bada un animo essenzialmente pop e finanche qualche scintilla di ispida solarità.

Gli episodi si susseguono, quindi, in un gioco di citazioni senza fine, tra ipnotici fumi spacedelici che lasciano trapelare echi del Sam Lucifero di "diamante pazzo" Barrett (la magnifica "Sycamore Tree"), i Jesus & Mary Chain che rifanno i Byrds ("Silver Sun"), gli Standells nascosti tra pagine sbiadite dal tempo ("Half Moon") e i Joy Division più depressi che, in "Alien Rivers", volteggiano sopra una cupa mareggiata di chitarre desertiche e abuliche spirali di organo (in un gioco di citazioni Pink Floyd che ritroviamo un po' dappertutto, anche in "Blood Barons").

Man mano che scorrono i minuti, la sensazione è quella di trovarsi di fronte a un disco contemporaneamente più ombroso e melodico rispetto al precedente, senza tacere di una produzione più azzeccata, capace di offrire un suono più rotondo e avvolgente.
Nella giostrina moderatamente scalmanata di "Shake The Shackles", negli accenti scanzonati di "Through The Floor" e di "Precarious Stair", così come nella surf-music battente di "Invisible City" e nella chiusa velvettiana di "Prometheus At Large" (memore di "I'm Waiting For The Man") continua a consumarsi un piccolo rituale di celebrazione di un passato mai così-vicino & così-lontano.


Commenta il disco sul forum

(30/04/2011)

  • Tracklist
  1. Sycamore Tree
  2. Through The Floor
  3. Silver Sun
  4. Alien Rivers
  5. Half A Moon
  6. Flying Into The Sun
  7. Shake The Shackles
  8. Precarious Stair
  9. Invisible City
  10. Blood Barons
  11. Prometheus At Large
Crystal Stilts su OndaRock
Recensioni

CRYSTAL STILTS

Nature Noir

(2013 - Sacred Bones)
Una vellutata e raffinata conferma per i nuovi alfieri psichedelici

CRYSTAL STILTS

Alight Of Night

(2008 - Slumberland)
Da New York, un inaspettato omaggio al pop pastello britannico di fine 80

Crystal Stilts on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.