Human Eye

They Came From The Sky

2011 (Sacred Bones) | art-garage/punk, freak-space-garage

La parentesi dell’anno scorso di “Rise of the Green Gorilla”, con il side-project Timmy’s Organism, mostrò un Timmy "Vulgar" Lampinen sempre grottesco e spavaldo ma, sostanzialmente, innocuo. Lo si aspettava, dunque, al varco di questo ennesimo dispaccio firmato Human Eye (formazione con cui ha ottenuto, di sicuro, i risultati migliori in fatto di freak-space-garage) per valutarne lo stato di forma.

“They Came From The Sky”, terzo album della formazione di Detroit, aggiunge poco o nulla alla loro formula, continuando, tra l’altro, a esplorare la vita intergalattica, le relazioni tra umani e alieni e tutto un immaginario che ruota intorno ai film horror, magari di serie B. Però, è innegabile l’appeal di queste stralunate, strampalate e orgiastiche jam in cui tutto, da un momento all’altro, può succedere, sbandando pericolosamente per poi ritrovarsi su highway intergalattiche, sulle quali gli alieni guidano contromano e gli asteroidi sfrecciano più impazziti che mai.

L’impatto psichedelico si traduce, quindi, in una forma di visionarietà alterata (“Brain Zip (Kickin’ Back in the Electric Chair)”), entrando in rotta di collisione con i trip spaziali degli Hawkwind (“Impregnate the Martian Queen Pt. 2”, che vanta un lavoro percussivo più accentuato, grazie all’uso delle congas) e con la sacra diade MC5-Stooges (l’infernale e trascinante “Junkyard Heart”). Accentua il versante più ipnotico della loro arte, invece, “The Movie Was Real” e, in parte, anche “Serpent Shadow”.
I sei minuti della conclusiva title track condensano, invece, tutti gli ingredienti di un suono ormai maturo, capace di farsi riconoscere tra mille proprio per la sua capacità di fare del revival un’operazione di totale trasfigurazione.


(30/05/2011)

  • Tracklist
1. Alien Creeps
2. Brain Zip (Kickin’ Back in the Electric Chair)
3. Impregnate the Martian Queen Pt. II
4. Junkyard Heart
5. The Movie Was Real
6. Serpent Shadow
7. We Are the Peopleoids
8. They Came from the Sky
Human Eye su OndaRock
Recensioni

HUMAN EYE

4: Into Unknown

(2013 - Goner Records)
Quarto disco per la creatura di Timmy "Vulgar" Lampinen, tra sfregi garage-psichedelici e anarchia spaziale ..

HUMAN EYE

Serpent Shadow

(2008 - autoprodotto)
Escursione freakedelica per la band di Detroit, aspettando il nuovo disco

HUMAN EYE

Fragments Of The Universe Nurse

(2008 - Hook or Crook)
Guidata da Timmy "Vulgar" Lampinen, la combriccola di Detroit torna sul luogo del delitto con la solita ..

HUMAN EYE

Human Eye

(2005 - In The Red)

Human Eye on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.