Zen Circus

Visited By The Ghost Of... (ristampa)

2011 (Black Candy) | alt-rock

Gli Zen Circus sono una band di Pisa che iniziò a muovere i primi passi intorno alla metà degli anni 90. Allora la line-up era formata da Andrea Appino (voce e chitarra), Ufo (chitarra) e Teskio (batteria). Dopo un primo album autoprodotto, nel 2001 giunsero alla pubblicazione di "Visited By The Ghost Of Blind Willie Lemon Juice Hamington IV" attraverso il quale iniziarono a esprimere, anche se in maniera ancora non completamente a fuoco, quelle che sarebbero divenute le caratteristiche peculiari del primo decennio di vita del gruppo.

Un sound fortemente influenzato da Violent Femmes e Talking Heads (ascoltate un po' "Drivin' In My Car"), ma dal quale traspira soprattutto l'amore e la devozione per i Pixies - sia nella variante inglese ("Milk Legs", "Weak Love") che spagnola ("Mexican Requiem") - che vengono omaggiati persino nei titoli ("Where Is My Heart?" richiama chiaramente "Where Is My Mind?"). Il cantato è ancora in lingua inglese e le atmosfere decisamente lontane da quello che risulterà il loro disco più fortunato, quell'"Andate tutti affanculo" che nel 2009 li imporrà sul territorio nazionale come una delle migliori band alternative italiane.


In questo "Visited By The Ghost ..." si iniziano a scorgere i primi germogli di un lavoro che con il tempo si dimostrerà assolutamente gratificante. La band mostra grande duttilità, alternando i variegati aromi alt-rock di derivazione nineties a deliziosi siparietti country-folk (l'accoppiata "Chicken Factory"-"Jack Is American"), sofferti blues (la conclusiva "HF Modulator Blues") e riuscitissime dichiarazioni d'intenti. Il titolo della programmatica "Folk Punk Rockers" (che apre la tracklist) è la migliore sintesi possibile del genere che il trio dimostrerà col tempo di voler produrre.


Ci vorrà però il disco seguente, "Doctor Seduction", pubblicato nel 2004, per iniziare a far parlare in maniera più diffusa della band. Nel frattempo, Karim Qqru avrà preso il posto di Teskio e gli Zen Circus inizieranno a preparare il grande salto. Oggi riascoltiamo i loro esordi (pur con tutte le inevitabili ingenuità) grazie a questa ristampa in digipack immessa sul mercato dalla Black Candy. L'unica pecca è quella di non proporre bonus track rispetto alla selezione originale: una manciata di outtake del periodo sarebbe stata un degno completamento dell'opera. "Visited By The Ghost Of Blind Willie Lemon Juice Hamington IV" si dimostrerà comunque una lieta sorpresa per tutti coloro che poco conoscono le prime mosse della formazione pisana.

(10/05/2011)

  • Tracklist
  1. Folk Punk Rockers
  2. Milk Legs
  3. Easy As Pie
  4. Hilly Billy Cab Driver
  5. Chicken Factory
  6. Jack (Is American)
  7. The Green Fuzzy Thing
  8. Drivin' In My Car
  9. Mexican Requiem
  10. It Train Over Delft
  11. A Dead Song For Elaine
  12. Weak Love
  13. Where Is My Heart?
  14. Sneacky Behaviour
  15. HF Modulator Blues
Zen Circus su OndaRock
Recensioni

ZEN CIRCUS

Vivi si muore 1999-2019

(2019 - Woodworm / La Tempesta)
Prima retrospettiva della formazione pisana, per festeggiare vent'anni d'attività e la partecipazione ..

ZEN CIRCUS

Il fuoco in una stanza

(2018 - Woodworm/La Tempesta)
Meno immediato e più eterogeneo, il disco che completa la trasmutazione del combat-folk degli ..

ZEN CIRCUS

La terza guerra mondiale

(2016 - La Tempesta)
Fra alt-rock e combat-folk, il nono album del trio pisano è anche il loro più diretto e ..

ZEN CIRCUS

Canzoni contro la natura

(2014 - La tempesta)
Ottavo album e importanti conferme dal trio toscano guidato da Andrea Appino

ZEN CIRCUS

Doctor Seduction (ristampa)

(2011 - Black Candy)
La ristampa del terzo lavoro edito dal trio pisano, la cui personalità inizia a prendere forma ..

ZEN CIRCUS

Nati per subire

(2011 - La Tempesta)
La band pisana continua a battere con convinzione la strada del pop d'autore

ZEN CIRCUS

Andate tutti affanculo

(2009 - Unhip/ La Tempesta/ Infecta Suoni E Affini)
Il terzetto pisano in dieci pezzi carichi di risentimento e ironia

ZEN CIRCUS & BRIAN RITCHIE

Villa Inferno

(2008 - Unhip Records)
La band pisana insieme all'ex bassista dei Violent Femmes

ZEN CIRCUS

Vita e opinioni di Nello Scarpellini, Gentiluomo

(2005 - I dischi de l'amico immaginario)

News
Live Report


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.