James Ferraro

Sushi

2012 (Hippos in Tanks) | wonky-electro-house

Dopo la sbornia sintetico-naif di “Far Side Virtual”, addirittura salutato da qualcuno come il disco più importante del 2011 (mala tempora currunt…), James Ferraro celebra, per dirla con le sue parole, le ossessioni e le oscurità della sua vita, sulla scorta di una electro-wonky-house scintillante e modernista che lascia ancora una volta perplessi.

Mondi paralleli e stroboscopici, chimismi lirici che stratificano sensazioni plasticose, indolenze che si nascondono dietro apparenze dub, rimpalli schizoidi, galleggiamenti e campionamenti sfuggenti: “Sushi” è abitato dal germe della post-modernità, dalle ovvie ipnagogie e dal riflusso del riflusso, per cui tutto è ormai simultanemente presente dinanzi alle nostre orecchie, senza senso...
Un gioco di specchi infinito per partito preso, spernacchiante ("Flamboyant"), ottuso-minimalista (“Baby Mitsubishi”), schizzato, ridondante ed evocativo (“Lovesick”, “E 7”), magnetico ed esotico tra le righe (“Jet Skis & Sushi”, “So N2U”).

Un gioco che appiattisce l’immaginazione su stantie sofisticazioni.

(19/11/2012)

  • Tracklist
  1. Powder
  2. Jumpshot Earth
  3. Flamboyant
  4. Playin Ya Self
  5. Baby Mitsubishi
  6. Lovesick
  7. E 7
  8. Jet Skis & Sushi
  9. SO N2U
  10. Condom
  11. Booty Call
James Ferraro su OndaRock
Recensioni

JAMES FERRARO

Far Side Virtual

(2011 - Hippos in Tanks)
Il disco più pulito del sopravvalutatissimo artista americano

JAMES FERRARO

Edward Flex Presents: Do You Believe in Hawaii?

(2009 - New Age)
L'indigesta miscela sonica del co-leader degli Skaters

James Ferraro on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.