James Ferraro

Far Side Virtual

2011 (Hippos in Tanks) | muzak

Quello che è il disco più "pulito" di James Ferraro sembrerebbe essere diventato, in appena un paio di mesi, anche uno dei lavori più controversi dell'anno. Amato o odiato, addirittura elevato a rango di opera più importante di questo 2011 da qualche nuovo Messia, "Far Side Virtual" è la celebrazione di un universo sintetico e naif, imparentato con la new-age più banale, con la muzak più terra-terra e attraversato da un ottimismo di plastica, pur sempre trasfigurato dall'ormai "ovvia" ideologia ipnagogica.

Ferraro ha dichiarato di aver composto questi brani pensando alle suonerie per cellulari e, in effetti, almeno con quelle potrebbe tirare su un pacco di soldi, ammesso sia quello il suo obiettivo principale. Un disco che, sostanzialmente, dice (poco o) nulla, aggiungendo al massimo candore e briciole di delicata visionarietà alle vostre giornate. Troverete mini-sinfonie muzak-style ("Dubai Dream Tone", "Slim", "PIXARnia and the Future of Norman Rockwell", "Starbucks, Dr. Seussism, and While Your Mac Is Sleeping"), scorie minimal-wave ("Global Lunch"), ipotesi di colonne sonore per lanci commerciali di quarta mano ("Bags"), sigle per possibili serie televisive ("Palm Trees, Wi-Fi and Dream Sushi"), i cellulari, per l'appunto ("Fro Yo and Cellular Bits"), la liturgia del Motore di Ricerca, sempre sia lodato ("Google Poeises") e ombre Birdsongs Of The Mesozoic ("Adventures in Green Foot Printing").

E' che James ha un certo seguito, in giro, basato su un culto per certi versi inspiegabile, perché, in caso contrario, molto probabilmente questo disco si troverebbe ancora sul suo pc. Ma, poco male, questi scarti di sogni Eighties, che ormai collidono con tanto immaginario virtuale degli ultimi vent'anni, riusciranno a far riempire le pagine di riviste à la page, pregne di filosofia del postmoderno, anzi del post-postmoderno, mentre la retromania striscia dentro di noi, silenziosa, provocatrice, stucchevole. 

(14/12/2011)

  • Tracklist
  1. Linden Dollars
  2. Global Lunch
  3. Dubai Dream Tone
  4. Sim
  5. Bags
  6. PIXARnia And The Future Of Norman Rockwell
  7. Palm Trees, Wi-Fi and Dream Sushi
  8. Fro Yo And Cellular Bits
  9. Google Poeises
  10. Starbucks, Dr. Seussism, And While Your Mac Is Sleeping
  11. Adventures In Green Foot Printing
  12. Dream On
  13. Earth Minutes
  14. Tomorrow's Baby Of The Year
  15. Condo Pets
  16. Solar Panel Smile
James Ferraro su OndaRock
Recensioni

JAMES FERRARO

Sushi

(2012 - Hippos in Tanks)
Dopo la sbornia sintetico-naif di "Far Side Virtual", il musicista americano vira verso territori wonky-house ..

JAMES FERRARO

Edward Flex Presents: Do You Believe in Hawaii?

(2009 - New Age)
L'indigesta miscela sonica del co-leader degli Skaters

James Ferraro on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.